Salta al contenuto principale

Calcio violento, sette giorni di prognosi per il capitano del Crotone

Basilicata

Francesco Galeoto, colpito prima della partita di campionato di ieri dal centrocampista brasiliano Rafael Bondi dell'Arezzo, è stato dimesso con varie contusioni. Società indignata

Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

Prognosi di sette giorni, per escoriazioni e contusioni, per il calciatore del Crotone Francesco Galeoto, che ieri, prima dell’inizio della partita contro l’Arezzo, all’interno dello stadio, sarebbe stato colpito da un giocatore della squadra avversaria. In ospedale Galeoto è stato anche sottoposto a una tac, che ha dato esito negativo. Conclusi gli accertamenti, il giocatore è stato dimesso.
«Sdegno e disappunto per il grave e deprecabile episodio di violenza ingiustificata e gratuita». È quanto si sostiene in una nota del Footbal Club Crotone in riferimento all’episodio, avvenuto ai danni del capitano del Crotone Francesco Galeoto che sarebbe stato colpito dal centrocampista brasiliano dell’Arezzo Rafael Bondi.
«Un’aggressione vera e propria – è scritto nel comunicato del club calabrese – che si commenta da sola, che nulla ha a che vedere con i più sani e veri principi della lealtà sportiva e che, se non punita, rischia di creare un pericoloso precedente. Come società, siamo perplessi e sconcertati, poichè a nostra memoria non ricordiamo un episodio del genere, che tra le altre cose a nostro avviso, ha falsato la gara, poichè ha privato il Crotone del suo capitano, di un giocatore fondamentale come Francesco Galeoto, proprio in occasione di un match decisivo per una possibile vittoria del campionato, o per un importante piazzamento nella griglia play-off». Il Footbal Club Crotone si dice «fortemente danneggiato» e auspica «che gli organi di giustizia sportiva prendano decisioni giuste e adeguate, che tutelino soprattutto la regolarità del campionato».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?