Salta al contenuto principale

Cosenza 1914, inizia la festa dei 15mila

Basilicata

2ª Divisione. Curva sud esaurita. Grande attesa in tutta la provincia. Città colorata di rossoblù. Mister Toscano: «Non sto nella pelle»

Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

Al San Vito si va verso il record di presenze stagionali per il numero, 15 mila, di tifosi che prenderanno parte alla gara-festa dei lupi.
E' emozionato l'allenatore Mimmo Toscano: «Non sto nella pelle e vorrei che fosse già finita ora. Bisogna mantenere alta la concentrazione, ma la posta in palio, come per Catanzaro non fa dubitare sull’attenzione massima dei ragazzi. Mi dispiace per coloro che dovranno andare in tribuna, avrei voluto farli giocare tutti. Dal primo all’ultimo in organico».
Toscano ora dovrà sceglire la formazione da mandare sul manto erboso e secondo previsioni, Stefano Ambrosi sarà in porta; difesa a quattro, da destra
verso sinistra con Bernardi. Aniello Parisi, Braca e Chianello. Due a centrocampo, Ciccio De Rose e Battisti. A destra Mortelliti e a sinistra Catania con Danti a supporto dell’unica punta che è Polani.
Si attende una festa grande dalla partita di oggi al San Vito e la curva sud Donato Bergamini ha preparato una coreografia in stile anni Ottanta con mega bandieroni rossoblù. Sono andati a ruba i 6500 biglietti disponibili, tra le polemiche di chi protesta, come la curva nord, che attuerà una simbolica assenza portandosi sulla collinetta dei diffidati.
Dopo la conclusione della partita, sperando che il risultato sia quello che tutti aspettano, la squadra al completo, lo staff tecnico e il gruppo dirigenziale si recheranno nella casa comunale a Palazzo dei Bruzi per portare il saluto al sindaco della città, alla giunta e all’intero consiglio comunale. Subito dopo trasferimento in piazza XV marzo per i festeggiamenti con i tifosi. In serata cena riservata esclusivamente alla squadra, allo staff tecnico e al gruppo dirigenziale. Ospiti del Cosenza il promoter Lucio Presta e la compagna del manager cosentino la presentatrice Paola Perego.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?