Salta al contenuto principale

Cappelli in libreria con "Volare basso"

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

MA che fine fanno i sogni della giovinezza? E il primo amore? E l'amico di una volta? Dove sono finiti dopo che ci si è adattati a volare basso? E cosa si proverà a rincontrarli a distanza di anni? Lo sapremo leggendo "Volare basso", il romanzo di Gaetano Cappelli in uscita il 25 maggio per i caratteri di Marsilio editore. Pubblicato nel ‘94 da Frassinelli, il romanzo, pronto a vivere una seconda giovinezza, é la storia di Eugenio Granieri, autore al liceo di un piccolo film di culto col quale lancerà nell'empireo del cinema, perdendolo, il primo indimenticabile amore, la bellissima Angela Bardo, capace col suo famoso sguardo sfuocato di stregare un'intera generazione, e anche Bruno La Padula, amico del cuore di Eugenio e poi suo rivale.
Li ritroviamo trentenni, disillusi, rancorosi l'uno verso l'altro, eppure pieni di nostalgia per quegli anni lontani, incapaci di staccarsene e finalmente crescere.
Il bello e perdente Eugenio, ora al Wild Mustang, il locale New Age disperso tra le foreste lucane dove concupisce schiere di studentesse adoranti; e Bruno, regista radiofonico rimasto senza lavoro, disprezzato dalla moglie e, con in più, il piccolo pestifero figlio Canio da accudire. Tutt'e due alle prese con donne forti, possessive, maliarde, il cui lato nascosto verrà svelato in un tourbillon di avventure erotiche da Silvio Costa, capitato in provincia per aver sposato la più ricca tra loro ed essere così divenuto uno di quegli uomini di potere tanto detestati in gioventù.
Insieme a loro incroceremo una sfilza di altri memorabili personaggi. Dal padre di Eugenio trafficante di pellicce in sperduti villaggi siberiani all'elegantissima sensuale Bovary lucana Elisa Ricci, fino all'insuperabile Nichi Nardozza, emigrato di ritorno a bordo di un'immensa fluorescente Ford, gran contaballe e socio svagato di Eugenio al Wild Mustang dove i nodi verranno al pettine e i desideri più segreti sembreranno avverarsi in una magica stregata notte di capodanno. Ancora una volta, attraverso la tragicomica ricognizione sulla provincia del Sud, Gaetano Cappelli ritrae in un irresistibile romanzo le vite di noi tutti.
Lo scrittore potentino ha già pubblicato: Febbre (Mondadori 1989), Mestieri sentimentali (Frassinelli 1991), I due fratelli (De Agostini 1994), Errori (Mondadori 1996). Per Marsilio sono usciti Floppy disk (1988), Il primo (2005), Storia controversa dell'inarrestabile fortuna del vino Aglianico nel mondo (2007), Parenti lontani (2008, Premio John Fante) e La vedova, il Santo e il segreto del Pacchero estremo (2008).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?