Salta al contenuto principale

Spaccatura nel Pd a Crotone, il simbolo conteso

Basilicata

Tre candidati e un simbolo comune nell'occhio del ciclone

Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

A Crotone, in vista delle elezioni provinciali del 7 e 8 giugno prossimi, si delinea una spaccatura nel Pd: non ci sarà il simbolo del Partito democratico sulla scheda elettorale. Un’assenza paradossale dato che i candidati che si richiamano al partito di Franceschini non mancano, tanto tra gli aspiranti presidenti, quanto tra le liste.
Il candidato ufficiale del partito è Ubaldo Schifino, assessore regionale del Pci negli anni Ottanta, sostenuto da sette liste, cinque delle quali riferibili al partito, e ispirate alle varie aree interne: Provincia democratica, Democratici e riformisti, Autonomia e Diritti (vicina al presidente della Regione, Agazio Loiero), I Democratici e Araba fenice.
Gli altri aspiranti presidenti di provenienza Pd sono il presidente uscente dell’ente, Sergio Iritale, sostenuto dalle liste Democratici a sinistra, Democratici riformisti, Movimento progressista crotonese, Per la Sinistra, Rinnovamento democratico e Sinistra per la Calabria.
Terzo infine, è l’ex consigliere regionale Salvatore Lucà, dirigente della Confartigianato, con la sua lista «Compagnia dei democratici».
«Il simbolo del nostro partito – dice Francesco Sulla, segretario provinciale del partito e assessore alle Attività produttive della Regione Calabria – verrà ampiamente utilizzato sui manifesti di Ubaldo Schifino. Il candidato Schifino è l'unico ad essere autorizzato all’uso del simbolo da me, che a mia volta sono stato autorizzato, in tal senso, dal segretario regionale Marco Minniti e dal segretario nazionale Dario Franceschini».
«L'utilizzo del simbolo – prosegue Sulla – è prerogativa del segretario e la decisione di non assegnarlo è dovuta alla possibilità di presentare più liste concessa dal sistema elettorale. Capiamo i molti malumori, ma riteniamo che la scelta fatta sia stata quella giusta». Ma le polemiche non sembrano arrestarsi;
il comitato elettorale per Iritale presidente, ha scritto ai vertici nazionali, regionali e locali del Pd denunciando "l'uso arbitrario e ingannevole del simbolo del Pd".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?