Salta al contenuto principale

Rifiuti, si torna a Matera

Basilicata

Riaperto il quinto settore

Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

di PIERO QUARTO
IL COMUNE di Matera torna a conferire i rifiuti a La Martella.
Diventa operativo il quinto settore e dopo cinque mesi esatti dalla chiusura del terzo e quarto per opera della magistratura la questione discarica a Matera ritorna nella normalità. Certo però il periodo transitorio ha creato più di qualche difficoltà soprattutto dal punto di vista economico, visti i costi non trascurabili che questa situazione ha provocato sulle tasche dell'Amministrazione materana e che aveva costituito un disagio non da poco in un momento cruciale per la gestione dei rifiuti in città e con un bando nuovo che prossimamente dovrà essere assegnato con tutta una serie di novità da mettere in pratica.
«Nel pieno rispetto della tabella di marcia, la scorsa settimana è stato definitivamente interrotto il conferimento dei rifiuti nella discarica di Pomarico» si legge in una nota del Comune.
A renderlo noto è l'Assessore Comunale al Bilancio Eustachio Quintano, che ha ricordato come tale conferimento sia stato determinato essenzialmente dai ritardi accumulati negli ultimi anni per il completamento e la messa in esercizio del quinto settore della discarica annessa all'impianto di compostaggio. Tale ritardo aveva determinato anche l'intervento dell'Autorità Giudiziaria per gli abbancamenti dei rifiuti sul terzo e quarto settore.
«Grazie al lavoro svolto dai dirigenti e dagli assessori competenti, in stretta collaborazione con la Provincia e la Regione, che non hanno fatto mancare il loro apporto, si è proceduto a mettere in esercizio il sottosettore B della quinta discarica, in modo da consentire al Comune di rientrare nella normalità di esercizio - afferma l'Assessore comunale al bilancio Eustachio Quintano -.
Si pone fine così alle spese aggiuntive per i trasferimenti a Pomarico, nel rispetto di quanto stanziato nel bilancio di previsione 2009, che, come è noto, nonostante le maggiori spese, non ha previsto alcun incremento della Tarsu, né di nessuna altra imposta, a carico dei cittadini materani».
Insomma una soluzione che dovrebbe finalmente riprendere ad avviarsi verso una certa normalità e che comunque da adesso non andrà più a pesare sul bilancio dell'Amministrazione comunale che dunque potranno ora pensare a superare questo tipo di questione con un beneficio importante per tutti quanti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?