Salta al contenuto principale

Catanzaro, occhi puntati ai play off

Basilicata

2ª Divisione. Oggi Caputo tornerà sul campo e inizierà la seconda fase del recupero. Cardascio e Armenise: «Vogliamo vincere i play off e approdare in 1ª Divisione»

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

La partita di domenica prossima dei giallorossi al Ceravolo contro l’Isola Liri è una formalità. I laziali devono fare i conti con una stagione, la prima tra i professionisti, che non è andata come sperava la dirigenza e la tifoseria.
Con la certezza acquisita di disputare l’appendice dei play out, l’ultima possibilità di rimanere un altro anno in Seconda Divisione, i ragazzi di Ferrazzoli scendono a Catanzaro con 30 punti in classifica, solo sei in più della Vigor Lamezia, già retrocessa tra i dilettanti.
Provenza, farà di tutto per preservare le condizioni dei suoi ragazzi. Ieri infatit una seduta di allenamento, prettamente tecnico-tattica con simulazioni di azioni offensive e difensive e partitelle a pressione. Tutti presenti ad eccezione di Antonio Montella che sta beneficiando di un permesso e che dovrebbe rientrare oggi.
Per il pomeriggio non è stata programmata la consueta amichevole del giovedì. Sarà il tecnico a decidere solo dopo la seduta di questa mattina.
Tutti a disposizione, quindi, con Provenza che può finalmente contare sull’intera rosa messagli a disposizione. E domenica è tornato dal primo minuto, anche Alessandro Cardascio (nella foto) proprio contro il Noicattaro, società in cui ha giocato nella passata stagione: «Un ritorno da ex, è vero - ha detto il giocatore -. L’importante, comunque, era ritornare a giocare dopo qualche settimana di fermo per un fastidio muscolare. Ora però ci sono e intendo
dare il mio contributo sino in fondo. L’unico obiettivo che abbiamo davanti è vincere i play off e portare il Catanzaro in Prima Divisione».
Anche Armenise, come i suoi compagni, pensa alla partita di domenica contro l’Isola Liri, ma la testa è proiettata già al 31 di maggio, giorno della semifinale di andata dei play off. «Non dobbiamo distrarci da quelli che sono gli impegni di campionato. Domenica c’è l’ultima gara contro una squadra che giocherà per onorare il suo campionato e non dando nulla per scontato. Solo da domenica sera in avanti cominceremo a pensare e a preparare i playoff».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?