Salta al contenuto principale

Calcio calabrese, per chi suona la campana?

Basilicata

Giornata decisiva per tutte tranne che per il Cosenza già promosso. La Reggina è obbligata a vincere mentre il Crotone pensa ai play off. Per atanzaro, Vigor e Vibonese sarà battaglia

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Giornata decisiva in serie A per la retrocessione. Campi principali per i tifosi della Reggina sono il "Granillo" dove gli amaranto sono obbligati a conquistare i tre punti contro il Cagliari e devono sperare nello stop delle dirette concorrenti, e il "Dall'Ara" di Bologna. Importante monitorare anche il Napoli per sapere se il Torino dirà addio in anticipo alla massima lega. In prima divisione Lega Pro, il Crotone sfiderà il Foggia in Puglia. Contro i satanelli mister Moriero potrebbe puntare al secondo posto anche se la testa è già ai play off. In seconda divisione Lega Pro, sono quattro le calabresi che scenderanno in campo alle 15. Se il Cosenza 1914 neopromosso in prima divisione si gode il momento magico ripensando all'overdose di entusiasmo di domenica scorsa, proporrà ad Avezzano il turnover, discorso a parte va fatto per le altre tre squadre. Il Catanzaro sfida al "Ceravolo" L'Isola Liri per aggiudicarsi il terzo posto utile per gli spareggi. Ai giallorossi basta un solo punto. Per la Vigor Lamezia è l'ultimo atto tra i professionisti dopo cinque anni anche se si nutrono concrete speranze per un ripescaggio. Una coraggiosa Vibonese, invece, ad Aversa cerca almeno un punto. Sarà battaglia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?