Salta al contenuto principale

Nascondevano armi in casa, arrestati coniugi nel Cosentino

Basilicata

Si tratta di Alessandro Biagini associato alla casa circondariale di Cosenza, e di Lidiana Rinaldi sottoposta agli arresti domiciliari, entrambi quarantenni

Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Alessandro Biagini e Lidiana Rinaldi (domiciliari) sono stati arrestati a San Fili perchè nascondevano in casa diverse armi. Ieri pomeriggio, i militari del Nucleo Operativo di Rende e della locale Stazione hanno proceduto ad una perquisizione all’interno dell’abitazione di due anziani ottantenni, rinvenendo in un vano ricavato nel sottotetto, custodite all’interno di una cassapanca: una pistola semiautomatica marca I.M.I. mod. «Desert Eagle» cal. 41/44 magnum con matricola abrasa, completa di serbatoio con inseritivi n. 5 colpi cal. 44 magnum; un fucile da caccia tipo doppietta con canne mozze e calcio tagliato, cal.12; 29 colpi per pistola semi automatica, una pistola giocattolo. Inoltre, custoditi all’interno di un secondo vano ricavato nello stesso sottotetto, i militari hanno rinvenuto oltre 100 paia di scarpe nuove di varie marche, con relative scatole, e 22 borsette da donna di varie marche, oggetto di un furto perpetrato nella notte del 21 aprile in Montalto Uffugo (CS), ai danni del negozio di calzature «Morgana». I due vani, ricavati nel sottotetto, sono risultati nella disponibilità dei coniugi Biagini e Rinaldi, quest’ultima figlia dei due anziani nella cui casa sono state trovate le armi e la refurtiva. Di conseguenza i due sono stati tratti arresto in flagranza reati di detenzione illegale di armi e munizioni, alterazione di armi da sparo e ricettazione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?