Salta al contenuto principale

La Vibonese spera in una nuova impresa

Basilicata

2ª Divisione. E’ già successo. A Vibo ci si aspetta una nuova impresa di Galfano,
per inseguire la permanenza tra i professionisti ancora una volta ai play out

Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

Alla Vibonese, ha fatto ritorno dopo cinque anni. Malgrado la sua precedente esperienza sulla panchina della Vibonese sia durata solo un anno, Angelo Galfano (nella foto con il giocatore Riccobono) è stato uno degli allenatori più amati della storia rossoblu.
Basti pensare all'impresa della Vibonese, guidata dal tecnico siciliano, che riuscì nella stagione 2002/2003 a conquistare un'insperata salvezza, la più sofferta.
A Vibo Valentia, infatti, è impossibile dimenticare la sfida play out con il Lentini, giocata e vinta sul neutro del Granillo di Reggio Calabria, al cospetto di oltre tremila spettatori. La Nuova Vibonese, così si chiamava allora, riuscì a ribaltare la sconfitta di 2-0 subita all'andata, vincendo 3-1.
Fu quella la prima stagione in rossoblu di Angelo Galfano: poi il tecnico fece ritorno nella sua Sicilia e quella squadra veloce e sbarazzina, divertente e sfortunata, che sciorinava azioni su azioni, è rimasta nel cuore di tutti i tifosi rossoblu. Gli stessi tifosi che sperano in una nuova impresa di Galfano,
il quale alla seconda stagione in rossoblu è costretto ad inseguire la permanenza - sua e della sua squadra - tra i professionisti ai play out.
Nella salvezza spera vivamente anche Angelo Galfano, che vorrà assolutamente evitare una retrocessione alla sua prima esperienza di allenatore fra i professionisti. Per questo motivo il tecnico siciliano tiene incrociate le dita: sa che per rimanere nel cuore del tifosi rossoblu, lasciando un traccia indelebile di sé nella storia della Vibonese, non ha alternative: bisogna ripetere l'impresa che lo vide protagonista cinque anni fa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?