Salta al contenuto principale

Vigor, al via l’operazione rilancio

Basilicata

2ª Divisione. I soci hanno discusso tutte le ipotesi per riportare la squadra fra i professionisti. Assemblea fino alla tarda serata di ieri per la proposta di Danilo Pagni

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

La società si è riunita per mettere a punto la prossima stagione. L’obiettivo comune non può che essere l'approdo tra i professionisti, per una squadra che milita in serie D. Per questo la società punta sul castrovillarese Danilo Pagni, un vincente, direttore sportivo del Taranto (ex Gallipoli e Sorrento) legato a Lamezia per via della moglie lametina e per il passato di allenatore del padre Dante.
Pagni però proprio ieri ha dichiarato al Quotidiano della Calabria che è disposto a fare il dirigente, magari acquisendo una quota, così da offrire la sua opera all’interno della società stessa con il ruolo di consulente del presidente. E forse sarà confermato Mascaro (in foto). Il diesse però, la prossima stagione potrebbe restare a Taranto in prima divisione oppure tornare a Gallipoli, neo promosso in B.
Difficile quindi che accetti di fare il ds in categorie inferiori ma per la Vigor appunto ha trovato il modo comunque per lavorarci: appunto come dirigente ma con compiti tecnici e supportato come direttore sportivo dal lametino Fabrizio Maglia.
Nel corso della riunione si è discusso anche della possibile alleanza con il Catania il cui incontro è stato appunto rinviato visto che prima doveva riunirsi l’assemblea. Fatto anche il resoconto del numero dei soci e quindi la ridistribuzione delle quote societarie anche considerando le uscite (Guzzi) e i probabili nuovi ingressi.
A breve la società dovrebbe covocare una conferenza stampa per illustrare i
nuovi programmi e quindi l’affidamento dell’incarico per la nuova programmazione tecnica tenendo appunto conto della proposta di Pagni. Successivamente si passerà alla scelta del nuovo tecnico che con Pagni consulente - dirigente e Maglia nel ruolo di direttore sportivo potrebbe essere individuato in Giacomarro.
Tutto questo considerando anche la possibilità, allo stato ancora difficile, di una ripescaggio in seconda divisione.
Per avere più contezza di questa ipotesi bisogna comunque attendere almeno fino al 28 maggio quando appunto la lega dovrebbe decidere i criteri in base ai quali usciranno fuori le squadre aventi diritto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?