Salta al contenuto principale

Addio vecchio treno

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

Verranno presentate domani alle 9, nella stazione ferroviaria di Matera-Villa Longo le nuove carrozze delle Fal. Diventerà così ufficiale il nuovo volto delle vetture. «Tutti i treni che fanno parte del parco ferroviario aziendale - si legge in una nota dell’azienda - saranno ristrutturati per assolvere finalmente alle richieste che pervengono quotidianamente dall'utenza di Puglia e Basilicata. Questo primo intervento sperimentale è stato realizzato da parte delle maestranze aziendali e rappresenta il prototipo di restyling del parco rotabile».
La presentazione, organizzata dal presidente delle Fal, Matteo Colamussi e dal consiglio d'amministrazione della Società, insediatosi otto mesi fa, avverrà alla presenza del Presidente della Giunta regionale di Basilicata, Vito De Filippo, dell'Assessore regionale ai trasporti, Innocenzo Loguercio, del Presidente della Provincia di Matera, Carmine Nigro, del sindaco della città di Matera, Emilio Nicola Luccico, e dei Consiglieri di Amministrazione delle Fal, Michele Lamacchia, Felice Viceconte e Carmine Dipietrangelo . L'iniziativa rientra nel programma di attività poste in essere dai vertici Fal per recuperare i notevoli ritardi che la Società ha accumulato nel passato in termini di efficienza, di efficacia del servizio e di immagine nei confronti dei fruitori. «Sin dal primo momento del nostro insediamento - precisa il presidente Fal, Matteo Colamussi - ci siamo resi conto delle precarie condizioni in cui versavano i treni di linea e ci siamo fatti interpreti delle legittime aspettative dei nostri utenti. Tali interventi, sia pure onerosi sono indispensabili per dare segnali concreti di cambiamento verso l'utenza che deve essere considerata il perno principale attorno al quale ruotano tutte le iniziative programmate dai nuovi vertici Fal. La messa in esercizio del primo treno integralmente restaurato ed accessoriato con aria climatizzata - ha dichiarato l'assessore regionale Innocenzo Loguercio - rappresenta un tangibile segnale di inversione di rotta da parte delle Fal e un evidente innalzamento dei livelli qualitativi nella mobilità ferroviaria di questa azienda».
Molto critico sulla questione il presidente della Provincia Carmine Nigro che in una nota spiega: «Meglio tardi che mai, è bene che gli utenti Fal sappiano che quanto sarà presentato a Villa Longo è una soluzione riduttiva e tampone rispetto alle reali esigenze del traffico in direzione di Bari». Il dibattito insomma si riapre, i treni sempre al centro della questione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?