Salta al contenuto principale

Archeologia, recuperati nel Vibonese sette mila reperti

Basilicata

Nell’ambito della stessa attività è stato messo sotto sequestro il Museo di Nicotera

Tempo di lettura: 
1 minuto 20 secondi

Sono tre le persone denunciate in stato di libertà dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale della Calabria, in provincia di Vibo Valentia, per impossessamento illecito di beni archeologici a seguito dell’operazione che ha portato al sequestro di 7.300 reperti e al sequestro dell’ex Museo civico di Nicotera attualmente denominato «Museo provinciale di mineralogia e petrografia».
L’indagine, coordinata dalla procura della Repubblica di Vibo Valentia, dallo scorso mese di novembre ad oggi si è articolata in tre scaglioni e ha portato al recupero di beni archeologici e paleontologici illecitamente detenuti.
Già a novembre i militari avevano perquisito la struttura museale di Nicotera dove avevano sequestrato 123 reperti archeologici e 593 paleontologici dopo avere rilevato la mancanza di atti autorizzativi da parte della struttura.
Ad aprile, in seguito a perquisizioni domiciliari, erano stati sequestrati altri 6.600 di reperti provenienti da siti di Cessaniti, Nicotera, Ionadi, Capo Vaticano, Briatico, Tropea. I risultati dell’operazione sono stati illustrati ai giornalisti dal Procuratore della Repubblica di Vibo, Mario Spagnuolo, dal sostituto procuratore Enrica Medori, dal comandante del Nucleo tutela culturale Raffaele Giovinazzo e dalla Soprintendente archeologa della Calabria, Caterina Greco.
« Come vedete – ha detto il procuratore della Repubblica Mario Spagnuolo (nella foto) nella conferenza stampa che si è tenuta stamattina nel suo ufficio, a cui hanno partecipato anche il sovraintendente Caterina Greco ed il colonnello Giovanni Roccia – il vibonese non c'è soltanto criminalità e mafia, ma c'è un patrimonio artistico dei enorme valore che noi abbiamo il dovere di conservare e tramandare alle future generazioni».
Alcuni reperti appartengono al periodo della Magna Grecia, mentre i fossili che sono quelli più abbondanti, all’età terziaria.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?