Salta al contenuto principale

A Bernalda non si vota

Basilicata

Il Tar non ha concesso la sospensiva e si pronuncerà solo il 24 giugno

Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

di PIERANTONIO LUTRELLI
I cittadini bernaldesi possono cominciare a rassegnarsi. E' saltata definitivamente ogni possibilità che i prossimi 6 e 7 giugno si potesse votare anche per il rinnovo del consiglio comunale. In quella data la prefettura di Matera dovrà inviare un commissario. Ieri mattina è stato notificato (ai ricorrenti, ossia ai candidati di entrambi gli schieramenti che si sono visti ricusare le liste per irregolarità formali nella presentazione) da parte del Tar di Basilicata il calendario per l'udienza camerale che dovrà esprimersi in merito alla concessione di sospensiva omeno, data fissata al 24 giugno prossimo.Si può bene evincere pertanto che rispetto alla data delle elezioni si è andati fuori tempo massimo.Addirittura questa data esclude la possibilità per i bernaldesi
di votare anche in caso di eventuale ballottaggio per le Provinciali (22 giugno). I giudici amministrativi di Basilicata hanno altresì stabilito che l'udienza
di merito si terrà invece nel prossimo mese di novembre, il 19. Ormai non vi sono dubbi che il nome del prossimo sindaco di Bernalda uscirà fuori soltanto nel 2010, quando i concittadini di Francis Ford Coppola saranno chiamati a votare anche per le elezioni regionali. Nel nostro territorio casi come quello accaduto a Bernalda non se ne ricordano. Va detto però che presentare una lista elettorale con un plico con evidenti difetti formali viene ritenuto un errore sostanziale.
Infatti in un atto amministrativo la forma coincide sempre più con la sostanza.
Restano così fermi ai box i due candidati sindaco degli schieramenti di centrosinistra e centrodestra: Leonardo Chiruzzi del Partito Democratico (il sindaco uscente Francesco Renna non si era ricandidato) e Franco Prisco del Popolo della libertà. E' chiaro che dovendo ripresentare le liste il prossimo anno, non è detto che gli stessi candidati di quest'anno troveranno
necessariamente riconferma perché la politica è mutevole e le cose cambiano.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?