Salta al contenuto principale

Coppa Scirea, esordio con un pareggio

Basilicata

L'Arsenal Usa impatta col Fc Matera 1-1 in vantaggio con XCabral e raggiunto da Rios

Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

di Renato Carpentieri
MATERA-ARSENAL USA 1-1
Matera: Moliterni, Cifarelli, Scardinale, Cabral (27’ st Suglia), Villalba, Cati, Iglesias (38’ st Guillem), Angiuli (21’ st Motti), Da Silva (16’ st Bruno), Cristofaro (31’ st Lozitiello), Greco (9’ st Covone). A disp.: Galante, Cappiello, Russo. All. Stasolla
ARSENAL (USA): A. Zepeda, Hernandez, Riley, Lara (16’ st Blumenfelf), Gibbs (42’ st Mota), Rios (36’ st Quezada), Tovar (16’ st Camacio Diaz), Arietta, Velasquez, Flores (32’ st Berger), Smith (26’ La Porte). A disp.: Jaramillo, Mota, Ruelas, Mosqueda. All. Brown
Arbitro: Cappiello di Matera (Burgi-Capolupo)
Reti: 34’ pt Cabral (M), 4‘ st Rios (A)
Note: Terreno in buone condizioni. Spettatori circa 1600. Ammoniti: Lara (A), Cristofaro (M). Angoli 7-2 per Matera. Recupero 0 pt; 4’ st .
MATERA - Un punto a testa e buon esordio per il Matera. Poteva essere vittoria per entrambe, ma alla fine va bene così. Il ghiaccio rotto nel migliore dei modi per la squadra di Stasolla, molto emozionato e contratto assieme a tutta la squadra. Matera nella tradizionale casacca bianca con striscia azzurra trasversale sul d’avanti e Arsenal in tenuta rossa con pantaloncini bianchi. Subito pericoloso l’Arsenal dopo solo cinque minuti. E’ Gibbs a colpire il palo con Moliterni battuto, palla ripresa da Smith che manda incredibilmente fuori. Prova a rispondere il Matera ma Cristofaro non è preciso. Guadagna metri il Matera che si scrolla di dosso un pizzico di emozione. Da Silva è lezioso e poco concreto. Grande fisico, ma troppo amante del pallone e poco uomo-squadra. Unico spunto di rilievo con un calcione al pallone dal limite che costringe Zepeda alla respinta, sulla quale s’avventa Cabral e insacca. Primo tempo che chiude con il Matera in vantaggio. Le squadre si allungano e il gioco perde spettacolarità. Stasolla toglie Da Silva e apre le danze ad altri cambi anche dell’Arsenal. Si procede con palle inattive che la fanno da padrone. E’ Cristofaro che al 24’ st recupera una palla in area e serve un assist perfetto per il neo entrato Motti che manca clamorosamente il gol e l’Arsenal si salva in angolo. Palla inattiva che vede Villalba calciare a volo e a botta sicura, ma a portiere battuto è Riley a respingere. Matera pressa, l’Arsenal cala e ci sono i presupposti per il vantaggio con Covone che mette un pallone al centro per l’appena entrato Gullem che non aggancia. Finisce col Matera avanti e l’Arsenal mantiene il pari.
CERIMONIA D’APERTURA- Torna protagonista il calcio. Cerimonia d’apertura meno sfarzosa, ma efficace (con grande ritardo sul programma annunciato la gara infatti è iniziata alle 21 e non alle 20,30 e uno speaker troppo lungo nei tempi). Squadre tutte e dieci (Noicattaro, Bari, Taranto, Real Madrid, Inter, Juventus, Samdoria, Sparta Praga) presenti, otto in tribuna e due in campo per l’anticipo della prima giornata che, a parte l’assordante musica (ma segnale festoso e quindi in tono con la kermesse), ha visto recitare il calcio giocato la parte del leone nell’apertura della “XIII Coppa Gaetano Scirea - La Lealtà nello sport. Infatti già alle 19 sull’erba dell’impianto di via Sicilia hanno sgambettato le squadre delle scuole calcio di Matera e provincia. Inni ufficiali eseguiti dal coro dei bambini del Semeria. Fuochi pirotecnici della Vulmont e discorso di sindaco e assessore allo sport di Castellaneta, Cellammare e D’Alessandro, oltre alla chiosa finale da parte della madrina della Coppa Scirea, Senatrice Maria Antezza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?