Salta al contenuto principale

Pelle piantonato in ospedale, si cerca
chi ha favorito la sua latitanza

Basilicata

L’uomo, tra l’altro, deve scontare una condanna a 16 anni di reclusione passata in giudicato

Tempo di lettura: 
0 minuti 50 secondi

Antonio Pelle, il boss latitante di 77 anni arrestato venerdì dal Ros dei carabinieri, è ancora ricoverato nell’ospedale di Polistena, dove è stato bloccato subito dopo essere stato operato per un’ernia strozzata.
Il suo trasferimento in una struttura sanitaria carceraria sarà disposto non appena le sue condizioni lo consentiranno. Ieri mattina, Pelle, detto «'Ntoni gambazza», è stato sottoposto ad alcuni accertamenti medici, tra i quali una tac.
Pelle si trova in una stanzetta con due letti, piantonato a vista dai carabinieri che presidiano tutto il perimetro dell’ospedale e controllano tutti gli ingressi. L’uomo, tra l’altro, deve scontare una condanna a 16 anni di reclusione passata in giudicato per sequestro di persona, traffico di sostanze stupefacenti ed associazione mafiosa.
Dopo avere arrestato Pelle, l’attenzione dei carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria si sta concentrando sugli ultimi giorni di latitanza, per identificare i suoi fiancheggiatori, e sulle modalità del ricovero, avvenuto d’urgenza la sera di giovedì, per accertare se vi siano state irregolarità.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?