Salta al contenuto principale

Incendiato lido a Montauro
di proprietà della sorella di un assessore

Basilicata

Il primo cittadino di Catanzaro, Olivo, ha definito la vicenda: "un fatto allarmante e grave che dimostra come, si continua con atti vili, a turbare la vita democratica dei cittadini"

Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

Un incendio, sulle cui cause sono in corso accertamenti, ha danneggiato a Montauro, sulla costa ionica catanzarese, il lido «Dadada», di cui risulta titolare la sorella di Roberto Talarico (nella foto) assessore al Comune di Catanzaro.
Il lido, denominato «Dadada», viene smontato e rimontato di anno in anno in coincidenza con la stagione estiva. In questi giorni erano in corso i lavori per il montaggio della struttura turistica.
I carabinieri hanno riferito che non sono stati rilevati elementi utili per accertare se l’incendio sia stato di natura accidentale o meno. Pochi i dubbi, comunque, secondo quanto si è appreso, che le fiamme abbiano avuto un’origine dolosa. Nè la sorella di Talarico, nè l’assessore hanno voluto commentare l’episodio.
In merito però è intervenuto il sindaco di Catanzaro, Rosario Olivo: «Esprimo a nome mio e della giunta solidarietà a Roberto Talarico, imprenditore coraggioso ed assessore capace e dinamico per l’atto intimidatorio subito». «E' un fatto allarmante e grave – prosegue – il secondo subito da Talarico, che dimostra come, purtroppo, si continua con atti vili, a turbare la vita democratica dei cittadini, vanificando gli sforzi quotidiani delle istituzioni ed i sacrifici di valenti imprenditori come Talarico finalizzati alla crescita sociale ed economica delle nostre comunità. Non appena rientrerò da Roma avvierò un contatto con le forze dell’ordine che sono certo svolgeranno come sempre, con la massima celerità, l’attività investigativa necessaria per consegnare alla giustizia i responsabili di tale ennesima azione arrogante». «L'episodio – aggiunge Olivo – dimostra come sia necessario non abbassare la guardia, ma bisogna fare rete, senza divisioni di alcun genere, per tutelare e sostenere con fermezza le istituzioni e coloro che tutti i giorni, svolgono democraticamente il proprio ruolo mirato, esclusivamente, alla crescita civile della società. Nell’esprimergli la mia totale vicinanza, invito l’amico Roberto Talarico, ad andare avanti proseguendo in quel suo eccellente lavoro avviato sia da amministratore della città che da imprenditore operoso». (ANSA). COM-LE/MED 16-GIU-09 15:07

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?