Salta al contenuto principale

Scuola nella bufera a Crotone, gli avvisi di garanzia

Basilicata

Secondo le ipotesi d'accusa guidata dal pm Pierpaolo Bruni a muovere le fila sarebbe stato l'attuale dirigente dell'ufficio scolastico regionale, Luigi Leone

Tempo di lettura: 
2 minuti 59 secondi

Scuola nella bufera a Crotone. L'inchiesta diretta dal pm Pierpaolo Bruni ha scoperchiato una vera e propria associazione a delinquere a quanto pare guidata dall’attuale dirigente dell’Ufficio scolastico regionale, Luigi Leone. Sarebbe stato lui, secondo le ipotesi dell’accusa, a muovere le fila e lo avrebbe fatto con due modi diversi: da un lato, sempre secondo le ipotesi formulate dal pm Pierpaolo Bruni, la procedura di assegnazione delle forniture alle scuole, dall’altro l’allocazione dei fondi ministeriali alle scuole stesse. In particolare, secondo il provvedimento notificato ieri dalla Polizia di Stato, nel primo ambito le ditte di Giuseppe Leone, figlio di Luigi, avrebbero goduto di una via preferenziale per la presentazione dei preventivi e per l'aggiudicazione delle gare, alle quali hanno partecipato solo fittiziamente altre ditte. Per quanto concerne, invece, l'allocazione dei fondi ministeriali, i fondi originariamente previsti per le spese inerenti ad appalti «storici» e imprese di pulizia, sarebbero stati rettificati da Luigi Leone in spese per supplenze. Poi, sempre secondo le ipotesi dell’accusa, nella maggior parte dei casi venivano suddivise, sempre da Leone, tra la singola scuola destinataria e altri istituti della regione. Le somme destinate alla singola scuola, infine, con autorizzazione di Leone sarebbero state utilizzate per l'acquisto di arredi, attrezzature informatiche e materiale di consumo presso le ditte del figlio. Di questo materiale, peraltro, non avrebbero usufruito le singole scuole, considerato che non è stato riscontrato l’utilizzo dello stesso, anche a causa dell’approssimazione con la quale l'attuale Ufficio scolastico provinciale – sottolinea l’accusa - ha inventariato i propri beni. Nel provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica si evidenzia che il materiale non veniva nè preso in carico cartolarmente, nè materialmente consegnato alla scuola che liquidava le fatture. Dal conto loro, i dirigenti scolastici, conniventi o meno che fossero, si sono comunque prestati all’attuazione del sistema – sottolinea il pm Bruni – sia favorendo le imprese di Giuseppe Leone nella scelta dei fornitori, sia avallando acquisti di materiale non richiesto e destinato altrove.

GLI ALTRI INDAGATI
Risultano inseriti nel registro degli indagati oltre a Luigi Leone anche il figlio Giuseppe, in qualità di titolare della «Askmore» e legale rappresentante della Enigma Research di Catanzaro. Con loro, anche Mario Paone, 55 anni, di Catanzaro, legale rappresentante della Paone Fratelli; Carmela Rotella, 40, di Catanzaro, legale rappresentante della Caro System; Sabatino Naso, 61, di Crotone, in qualità di dirigente scolastico tra il 2003 e il 2005 dell’Istituto comprensivo «Cutuli» di Crotone e di dirigente dell’Istituto tecnico commerciale «Lucifero» di Crotone; Carmela Contrino, 68, di Isola Capo Rizzuto, dirigente scolastico della direzione didattica statale del secondo circolo di Isola Capo Rizzuto; Annibale Caputo, 58, di Santa Severina, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo «Cutuli» e dell’Istituto comprensivo «Alfieri» di Crotone; Francesco Brasacchio, 66, di Savelli, dirigente scolastico della scuola media statale «Frank» di Crotone; Anna Curatola, 57, di Crotone, dirigente scolastico degli istituti Itis «Donegani» e Comprensivo «Don Milani» di Crotone; Umile Meringolo, 58, di Cirò Marina, dirigente scolastico dell’Ipsia «Barlacchi» e preside incaricato del comprensivo di Pagliarelle di Petilia Policastro; Olga Macrì, 61, di Cutro, dirigente scolastico della scuola media «Giovanni XXIII» di Crotone; Maria Gallo, 61, di Cutro, vicaria del dirigente scolastico della scuola «Rosmini» di Crotone; Pietro Renda, 62, di Belvedere Spinello, dirigente scolastico della scuola «Rosmini» di Crotone; Aldo Santopietro, 75, di Crotone, dirigente dell’Ipsia «Barlacchi» di Crotone; Luigi Grimaldi, 69, di Mesoraca, dirigente dell’Istituto professionale di Cotronei; Antonino Pietropaolo, 60, di Crotone, già responsabile dell’ufficio ragioneria del Csa di Crotone; Giuseppe De Biasi, 67, di San Nicola dell’Alto, dirigente del comprensivo di Strongoli; Rocco Bono, 65, di Cirò Marina; Mirella Gualtieri, 54, di Crotone, e Maria Gabriella Raffaele, 58, di Crotone.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?