Salta al contenuto principale

La Reggina e il nodo delle comproprietà

Basilicata

Agliardi potrebbe affiancare Puggioni in porta. In attacco piace l’ipotesi Mastronunzio. La scadenza il 26 giugno, da risolvere le situazioni di Santos e Sestu

Tempo di lettura: 
2 minuti 10 secondi

Settimana importante per il calcio che precede il mercato. Entro il prossimo 26 giugno bisognerà definire tutte le comproprietà. La Reggina ne avrà parecchie da risolvere, tutte abbastanza importanti, perché la società amaranto dovrà snellire e anche di molto il suo organico.
PORTIERI
Campagnolo in scadenza di contratto, è finito al Catania. Restano in amaranto, Puggioni, Marino e Saraò che rientra dal Monopoli per fine prestito. Almeno i due giovani dovranno essere ceduti e dovrà arrivare un portiere esperto che si contenderà il posto con Puggioni che, in ogni caso, è abbastanza richiesto.
DIFENSORI
La Reggina dovrà risolvere la comproprietà di Santos (frattura del perone al termine della scorsa stagione) col Genoa. Se Novellino ha deciso di tenerlo, i dirigenti amaranto dovrebbero cercare una soluzione prima di andare alle buste. Col Genoa, però, c’è un discorso aperto con il caso Mesto, altra comproprietà a
favore del Genoa, da risolvere. Dopo la risoluzione consensuale di Cirillo e Kraijcik, con Giosa in scadenza di contratto, restano in amaranto Costa, Valdez,
Alvarez in procinto di essere ceduti, Lanzaro, tra i pochi dello scorso anno a rimanere e, inoltre, Cosenza che rientra dal prestito all’Avellino, Ungaro dal prestito al Ravenna, Kris dal Monopoli e Rizzo dalla Cremonese.
CENTROCAMPO
Vigiani è in scadenza di contratto e difficilmente sarà confermato, resta da risolvere la comproprietà di Sestu con l’Avellino. Hallfredsson è in partenza, potrebbe finire al Chievo, ma il primo tentativo è andato a vuoto. Cascione sarà ceduto a sua volta, Barillà potrebbe tornare in A, sempre nel Chievo che lo preferisce ad Hallfredsson. Barreto è il pezzo forte del mercato, potrebbe finire al Bologna oppure alla Fiorentina o alla Lazio. Rimarranno solo Carmona, Nicholas Viola, Khoris e appunto Sestu che dovrebbe essere riscattato. Rientreranno dal prestito, i giovani Gatto (Monopoli), Kras (Sorrento) e Pettinari dal Ravenna, Missiroli dal Treviso, mentre Castiglia sarà riscattato dal Cittadella. Resta da definire un altro caso importante: Tognozzi che è stato ceduto in prestito al Brescia, con diritto di riscatto della stessa società lombarda.
ATTACCO
In attacco rimarrà ben poca roba dello scorso anno. Corradi è già dell’Udinese, Rakic è rientrato alla società di appartenenza, perché era arrivato in prestito,
Di Gennaro è rientrato al Milan, anche lui per fine prestito, Cozza è svincolato. Brienza è pronto per trasferirsi al Bari o al Cagliari, Stuani andrà all’estero, resterà solo Ceravolo delle punte dello scorso anno.
Alla Reggina ritornerà Montiel per fine prestito dal Politehnica Iasi, ma la società amaranto dovrà risolvere la comproprietà con l’Udinese prima del 26 giugno. Inoltre, ritorneranno alla Reggina, sempre per fine prestito, Joelson (Pisa), Tullberg (Hearts). Szatrmari, invece, in comproprietà con l’Avellino, sarà uno dei casi da risolvere.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?