Salta al contenuto principale

Accorpamento Laboratori Asp di Reggio

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

27691
In merito alla delibera del 18 giugno 2009 riguardante la chiusura del laboratorio del Polo Sanitario “Reggio Sud”, anche se la Commissione Aziendale afferma che si tratta di un accorpamento di risorse umane e strumentali presso il laboratorio del distretto NORD in definitiva rimane sempre la chiusura di una struttura la cui presenza sul territorio della popolosa zona sud della città, che conta oltre 100.000 abitanti, è garanzia di qualità,di scelta per il cittadino,e di presenza e controllo dello sanità pubblica sul territorio stesso e la sua esistenza va inquadrata in un più vasto orizzonte che oltre a comprendere inevitabili conti ragioneristici, comprenda un’offerta di servizi territoriali atta a salvaguardare le esigenze e il soddisfacimento dei bisogni dei cittadini e in particolare di quelli meno abbienti in perfetta sintonia con gli indirizzi in tema di sanità, provenienti dal Governo Centrale, che per limitare gli sprechi e nell’ottica del miglioramento indica la necessità di decentrare sul territorio i servizi sanitari di base in modo che siano più vicini al cittadino, con cui instaurare un miglior rapporto con la sanità territoriale e contribuire ad un’esatta cognizione dei bisogni con razionalizzazione delle spese e controllo di esse.
La disconoscenza della realtà territoriale, l’arroganza di voler portare a termine progetti senza una preventiva organizzazione, senza alcun confronto con gli operatori del settore, senza concertazione con le parti sociali e soprattutto con gli enti locali, scelte che generano disservizi e rischio salute per i cittadini sul territorio, come giustificazione di un tentativo di risanare il buco dei bilanci dell’Azienda Sanitaria di Reggio Calabria, non trovano alcuna giustificazione nell’eventuale risparmio di qualche migliaio di euro annui con la sottrazione di un servizio di laboratorio esistente sul territorio, che nei molti anni di attività, esistendo fin dai tempi dell’INAM, ha contribuito a rinsaldare il rapporto tra SSN e cittadino col dare una risposta adeguata , efficace ed efficiente alle richieste e per rispondere in modo qualitativamente ineccepibile alle necessità dei medici curanti e specialisti.

Il V. Segretario Regionale
Dott. A.P. Salvaggio

276835329

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?