Salta al contenuto principale

Potenza, contro la squalifica
una perizia calligrafica

Basilicata

Il patron dei rossoblù, Postiglione, si affida a un esperto per dimostrare che la firma di Gautieri sotto la lettera di dimissioni è autentica

Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

PESA come un macigno sul Potenza la ammenda di 25 mila euro e la squalifica di un anno a Postiglione, pene inflitte per la “gestione-Gautieri”. A detta della Procura Federale, la società aveva artefatto la firma di Gautieri sotto una lettera di dimissioni, per cui la tesi - assecondata dalla Commissione Disciplinare Nazionale - verteva sulla mancanza di lealtà sportiva. Ebbene, il Potenza si è rivolto al professor Pannuto, noto grafologo e consulente di molte procure ordinarie. Ieri è giunta in sede la conferma di quanto sostiene la società rossoblù: ossia che la firma di Gautieri, sotto le due lettere inviate al Settore Tecnico di Coverciano, è autentica. E sulla base di questa tesi sarà articolato il ricorso alla Commissione di Appello Nazionale, alla quale sarà chiesta la cancellazione dei 25 mila euro di ammenda e dell’anno di inibizione per il massimo dirigente potentino. Oltretutto, al centro della questione ci sono anche degli euro che, se giudicato innocente, Postiglione non deve versare al tecnico dimissionario.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?