Salta al contenuto principale

Tre giorni di cinema con il "Diamante Film Festival"

Basilicata

Il Festival, ha la finalità di valorizzare i giovani cineasti meridionali ed infatti saranno anche consegnati numerosi premi

Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

Per tre giornate Diamante, la città dei murales, diventa città del cinema con il «Diamante Film Festival».
Giovedì e venerdì prossimi in programma proiezioni e dibattiti nelle piazzette del centro storico, mentre sabato al Teatro dei ruderi di Cirella, è in programma la cerimonia conclusiva con la consegna dei premi «I Diamanti del cinema» assegnati a nove attori e registi impegnati nelle regioni del sud.
Il Festival, ha la finalità di valorizzare i giovani cineasti meridionali.
La giuria, presidente Alessandro Benvenuti, ha premiato i siciliani Pasquale Scimeca e Gianni La Parola, il napoletano Tony D’Angelo, i calabresi Giuseppe Gagliardi e Mario Melfi e il pugliese Nico Cirasola.
Tra i premiati anche il regista Tonino Zangardi per il film "Ma l’amore si" girato a Diamante; Isabel Russinova, produttrice del film «L'ultimo Re», in uscito a settembre, interamente girato nei ruderi di Cirella, ed Eugenio Attanasio, presidente della Cineteca di Calabria, per il recupero del film "Carne inquieta", girato nel 1952 con un giovane Raf Vallone.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?