Salta al contenuto principale

Estorsioni e spaccio di stupefacenti, arresti nel Reggino

Basilicata

L’operazione giunge a parziale conclusione di una lunga inchiesta che ha avuto inizio da un’indagine finalizzata ad arginare il fenomeno del cosidetto 'cavallo di ritorno'

Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

E' in corso dalle prime ore di stamattina un’operazione dei Carabinieri per l’esecuzione di 17 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Dda, nei confronti di persone accusate di associazione per delinquere finalizzata a furti, ricettazioni, estorsioni ed al traffico illecito di sostanze stupefacenti.
L’operazione, chiamata 'Reset 2006', vede impegnati un centinaio di militari delle compagnie di Melito Porto Salvo e Reggio Calabria e del Nucleo investigativo provinciale, con il supporto di ricognizione aerea dell’Ottavo nucleo elicotteri ed il concorso di aliquote di rinforzo della Compagnia speciale e di unità cinofile del Goc di Vibo Valentia. La gran parte delle persone coinvolte nell’operazione fa capo alla comunità rom stanziata nel campo nomadi di Melito di Porto Salvo.
Sarebbero quindici fino ad ora le persone arrestate dai carabinieri nei territori di Melito Porto Salvo e Reggio Calabria. Due persone sono ancora ricercate.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?