Salta al contenuto principale

Figlia picchia il padre per l'acqua

Basilicata

Brutto episodio di violenza, protagonista una donna con disagio mentale

Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

La figlia picchia malamente il padre per la mancata erogazione dell’acqua nella sua abitazione. E’ accaduto mercoledì scorso a Oliveto Lucano, protagonista una donna del posto afflitta da disturbi mentali, che ha aggredito l’anziano padre. L’uomo, che risiede nelle immediate adiacenze dell’abitazione della figlia, è stato costretto, a seguito dei numerosi traumi patiti, in particolar modo agli arti superiori, a sottoporsi a cure mediche.In considerazione dello stato di pericolosità della donna, i carabinieri della stazione di Garaguso sono stati costretti a sottoporre la donna a un trattamento sanitario obbligatorio, effettivamente disposto, essenziale per preservare anche l’incolumità della donna che, nel frattempo, si era chiusa in casa non consentendo a nessuno di avvicinarsi. A quel punto, stante l’impossibilità di raggiungere la donna e il concreto pericolo che potesse attuare gesti autolesionistici, su concorde parere dell’Autorità giudiziaria di Matera, è stato richiesto l’intervento di una squadra di Vigili del Fuoco per provare a raggiungerla tramite i balconi della sua abitazione al secondo piano dell’immobile.La tensione è salita ulteriormente, tanto da far temere che livello di aggressività della donna crescesse irrimediabilmente e, a quel punto, i militari della Stazione carabinieri di Garaguso hanno attuato una strategia rivelatasi vincente: dopo aver rassicurato la donna, le hanno fatto intendere che l’avrebbero lasciata in pace e che sarebbero andati via. A quel punto i mezzi di soccorso e tutto il personale intervenuto si allontanava dalla zona dell’intervento, ma, in realtà, due militari si erano già posizionati presso l’uscio della abitazione, pronti a intervenire alla prima occasione utile. Effettivamente, dopo qualche minuto, la donna ha aperto le porte della sua abitazione, cosa che ha consentito il fulmineo intervento dei militari che, sfruttato il varco creatosi, hanno immediatamente raggiunto ed immobilizzato la donna che è stata ricoverata e sottoposta alle necessarie cure.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?