Salta al contenuto principale

Nato morto per una diagnosi sbagliata, ginecologo vibonese condannato

Basilicata

Il Tribunale monocratico ha condannato a una pena di cinque mesi Gianfranco Marataro. Il professionista era imputato del reato di omicidio colposo e lesioni

Tempo di lettura: 
0 minuti 35 secondi

Il Tribunale monocratico di Vibo Valentia ha condannato a cinque mesi il medico ginecologo Gianfranco Marataro. Il professionista era imputato del reato di omicidio colposo e lesioni. Secondo l’accusa, che aveva chiesto una pena di tre anni di reclusione, Marataro avrebbe avuto un approccio diagnostico e terapeutico errato nei confronti di una sua paziente di Tropea, che al sesto mese di gravidanza iniziò ad avvertire una preoccupante sintomatologia a fronte della quale il ginecologo non ordinò il ricovero. Successivamente ci si accorse della totale carenza del liquido amniotico. Il bimbo nacque morto. A seguito della denuncia inoltrata dai familiari, fu avviata l’inchiesta del pm Fabrizio Garofalo, che fece riesumare la salma per avviare ulteriori approfondimenti medico legali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?