Salta al contenuto principale

Matera, preso Logrieco. Pisticci si raduna. Francavilla su Baldo Somma

Basilicata

Altro acquisto per i biancazzurri, arriva dal Bitonto. Gialloblè ieri al Michetti per conoscersi. Sinnici a caccia del centrocampista

Tempo di lettura: 
6 minuti 20 secondi

di Renato Carpentieri
Roberto D'Alessandro
Claudio Sole

QUI MATERA-Reparto avanzato completato. Ieri pomeriggio il Matera ha messo a segno un nuovo acquisto. E' stato ingaggiato l'attaccante Angelo Logrieco (nella foto), nato a Bitonto il 27 aprile 1986. Più di un attaccante, si tratta di un trequartista avanzato che può essere utilizzato anche come seconda punta all'occorrenza. Un giocatore che ha il vizietto del gol (sette in maglia neroverde l'anno scorso), come nella partita decisiva dei play out contro il Grottaglie quando ha seminato il panico nella difesa tarantina ed ha insaccato il gol che valeva una stagione. E' l'idolo di Bitonto, essendo nato nella città dell'olio, ma non sempre questo è un qualcosa che gira a favore ed anche a Matera ci sono casi che testimoniano il contrario. «Non parlatemi più di play out-afferma l'attaccante bitontino-perchè ne ho le tasche piene. Conosco molti giocatori che stanno a Matera, compreso il mister e sono contento di sapere che era presente a Bitonto nella gara contro il Grottaglie. Sono un trequartista o una punta che salta l'uomo e calcia. Vengo in una squadra che punta al vertice».al vertice e sono pronto a dare il mio contributo». Angelo Logrieco ha effettuato le visite mediche ed ha apposto la firma sul contratto che lo lega al Matera per una stagione. Sostanzialmente, al Matera per chiudere l'organico serve solo un centrocampista centrale che possa essere l'alternativa a Mazzoleni o anche il compagno in alcune occasioni, perchè non è detto che il Matera debba adottare esclusivamente un modulo. Chiaramente le caratteristiche dei giocatori in organico consentono varie modifiche, tra le quali potrebbe anche esserci quella della difesa a tre o delle centrocampo a due con tre mezze punte. E' chiaro che per affrontare un campionato di vertice non si può farlo senza almeno quattro attaccanti ed il Matera ha in organico anche Cristian Ancora.
L'attaccante di Squinzano al momento non può che rispondere alla convocazione della società essendo un giocatore di proprietà del Matera. Ma, anche se mancano conferme effettive in merito, non c'è ancora l'accordo di natura economica. Ma anche a minimo di stipendio Ancora ha il dovere di presentarsi alla convocazione del 20 luglio quando ci sarà il raduno. Intanto ieri Achille Mazzoleni era ancora ospite della città dei Sassi per problemi di scelta d'appartamento e per un piccolo break da turista. Con lui ieri pomeriggio il capitano del Matera, Pasquale Martinelli, al quale è ovvio chiedere cosa pensa dell'arrivo del giocatore nato a Lecco. «Se è il giocatore che ricordo io, e sono certo che lo è ancora visto il numero di gare che ancora gioca, può darci una grande mano. Un rafazzo eccezionale e soprattutto un uomo. Lo era già quando non aveva ancora i figli, figuriamoci adesso che è padre per due volte. Sono innesti importanti, come quello di Logrieco che va a completare il reparto avanzato. Ci stiamo muovendo con saggezza e senza grandi proclami. Vedremo cosa dirà il campo». Non ci sarà querelle per la fascia da capitano, perchè si può essere dei leader pure non avendola e viceversa. Poi tra gente di una certa caratura chiunque sarà il capitano importerà poco.(r.c.)

QUI PISTICCI-Più che per una prima sgambata, rinviata ad oggi, il primo giorno di raduno del Pisticci è servito per le presentazioni di rito. Al “Michetti”, infatti, sotto un sole cocente, c'erano tante facce nuove, soprattutto nel parco giocatori dei gialloble. I ragazzi che hanno potuto far conoscenza tra loro e scambiare le prima battute, in abiti “civili”, prima di iniziare il vero ed impegnativo programma di preparazione atletica. In seguito c'è stato un primo incontro tra la squadra, la società e l'area tecnica. A rompere il ghiaccio ha provveduto il presidente della Pol. C.S. Pisticci, Donato Panetta, per un saluto di rito e l'augurio di buon lavoro a tutti. Il numero uno della dirigenza jonica ha spiegato come il Pisticci sia una società piccola, ma ambiziosa e molto motivata, mostrando ottimismo in vista dell'obiettivo stagionale che è la salvezza.
Il tecnico Valente, invece, ha già colto l'occasione di dare le prime indicazioni disciplinari al gruppo, con particolare riferimento per i nuovi arrivati, ovvero per chi non ne conosce metodi ed abitudini. Tra le facce note erano presenti i giocatori riconfermati dalla passata stagione ovvero Guarino, Di Maria, Lavecchia, Grieco, De Nittis, De Biasi, Farinola e Fortunato. Molti, inoltre, i volti nuovi, soprattutto a livello di under. Tra questi erano presenti Maida, Polichetti e gli ultimissimi arrivati Granato, Vinciguerra, Marino, Castiglione e Gianpetruzzi. Oggi, infine, arriveranno Di Noto e D'Angiò. Tra i senior, il volto nuovo è quello del bomber Lupacchio. Per altri pezzi che possano completare l'organico bisogna, invece, attendere che la campagna acquisti si completi, ma senza fretta, come ha spiegato mister Valente, perché il Pisticci sa quali giocatori vuole e non deve farsi prendere dalla foga di far numero subito e a tutti i costi. Le operazioni di mercato che servono, dunque, saranno perfezionate nei tempi giusti perché le idee sono chiare a tutti.
Volti nuovi anche nello staff tecnico perché a coadiuvare Valente, oltre al già noto Camassa, ci saranno il preparatore Narraci ed il tecnico delle juniores Trani. Ancora da definire, invece, la trattativa con Franco Sgrona, che sta valutando l'offerta di diventare direttore sportivo del Pisticci. Sgrona, nel frattempo, ha assisto da spettatore al primo appuntamento stagionale dei gialloble. Gli sviluppi della trattativa, così come quelli legati alle operazioni di mercato sul fronte calciatori, dovrebbero comunque essere noti nei prossimi giorni.(r.d.A.)
QUI FRANCAVILLA - L'avventura calcistica della F.C. Francavilla nella stagione 2009/10, inizierà ufficialmente il 21 Luglio prossimo, quando la squadra si radunerà allo stadio “Nunzio Fittipaldi” della cittadina in riva al Sinni.
In un primo momento, si era scelto di andare al centro sportivo “Barbattavio” di Fardella, sede che si trova nella valle del Serrapotamo, a circa ottocento metri di altezza, immersa in un fitto bosco.
Però, il centro, a pochi chilometri dalla cittadina sinnica, sarà molto probabilmente il campo di allenamento del Francavilla Calcio, la formazione pugliese infatti, pare abbia optato il proprio ritiro in Basilicata, per preparare al meglio la prossima stagione.
Allora, i ragazzi di mister Lazic, faranno da spola tra il rettangolo di gioco del “Fittipaldi” e magari qualche allenamento in qualche campo della zona del Pollino, come San Severino Lucano, Chiaromonte e Latronico. Centri questi, che dato la loro altitudine godono di un clima meno afoso. Una decisione, quella del sodalizio rossoblu, che è frutto di una politica di avvalersi delle strutture della zona, senza doversi allontanare più di tanto.
Quindi, per il Francavilla, il ritiro sarà utile per assicurare al tecnico e ai calciatori, la giusta tranquillità in vista del nuovo campionato ormai alle porte. Il tutto, in un ambiente, utile a imbastire i primi schemi e a cercare affiatamento tra i reparti di gioco. Nel frattempo, il lavoro di calciomercato è affidato alla dirigenza rossoblu, che è impegnata in questi giorni nell'allestimento del nuovo organico. Si cominciano così a delineare i primi contatti.
Infatti, salgono le quotazioni del centrocampista Antonio Cordisco, volto noto ai tifosi francavillesi, visto che nell'annata 2007/08, aveva già indossato la maglia rossoblu. Il centrocampista, classe '87 ha giocato nell'ultimo campionato, nella formazione sarda di serie D dell'Arzachena. Oltre al giovane Cordisco, che ricordiamolo, approdò in rossoblu nel primo anno di mister Lazic, si fanno anche i nomi del fantasista materano Antonio Chisena e il centrocampista ex Sant'Antonio Abate, Baldo Somma.
Giocatori questi, che sono in trattativa, ma che ancora non hanno l'ufficialità da parte della formazione sinnica, che lavora in sordina per evitare di compromettere le trattative. Però, fanno sapere i dirigenti, che per avere l'ufficialità di qualche nome, bisognerà attendere un paio di giorni almeno. (c.s.)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?