Salta al contenuto principale

Francavilla, presi cinque under
Matera quasi completo, Pisticci: c'è Sgrona

Basilicata

Dal Potenza i sinnici prendono Di Vincenzo, Scavone e Bacio, Iurlo e Bocconi dal Bari. I biancazzurri attendono l'ultimo colpo, a Pisticci c'è il nuovo diesse

Tempo di lettura: 
6 minuti 10 secondi

Claudio Sole. Renato Carpentieri e Roberto D'Alessandro
QUI FRANCAVILLA - La F.C. Francavilla continua nelle sue manovre di mercato, per cercare di consegnare al tecnico serbo Ranko Lazic, qualche volto nuovo in vista della data del ritiro che è fissata per il 21 di Luglio, presso lo stadio “Nunzio Fittipaldi”.
Le manovre della società rossoblu, riguardano alcuni giovani under, che andrebbero così a rinfoltire la rosa, che al suo interno comprende già altri validi giovani elementi.
Finalmente, dopo tanti nomi e voci, ecco degli acquisti che andranno a rafforzare l'organico francavillese.
Uno di questi, riguarda il giovane portiere Giovanni Di Vincenzo (nella foto), classe '90, del vivaio del Potenza e che l'anno scorso ha vestito la casacca numero uno della Battipagliese in Eccellenza campana. Per lui, la trattativa può considerarsi chiusa, visto che mancano soltanto dei piccoli dettagli.
Dal Potenza, la squadra sinnica, ha prelevato anche il giovane attaccante Antonello Scavone, classe '90.
Un centravanti, che va così a rinforzare il reparto avanzato della compagine sinnica.
Ma il mercato dei dirigenti rossoblu, non si ferma qui.
Altri giocatori sono in arrivo in riva al Sinni, si tratta di due validi elementi della primavera del Bari: Lorenzo Iurlo, classe '91, un difensore che ha ben figurato nel campionato primavera, e il centrocampista Vito Bocconi, classe '91, che nella passata stagione a Bari, si è messo in mostra dimostrando tutto il suo valore.
Ma i nuovi volti in casa Francavilla non si fermano soltanto a quelli appena citati.
Infatti, vestirà la maglia rossoblu, anche il valido centrocampista Salvatore Bacio Terracino, un ragazzo del '90 e che nella stagione appena conclusa, ha vestito la casacca dello Sporting Genzano, collezionando una quindicina di presenze.
I tifosi sinnici, lo ricorderanno nel match casalingo del “Fittipaldi” della passata stagione, per le sue giocate sulla fascia destra. Nota dolente di quella gara per lui, fu una doppia ammonizione che lo costrinse a lasciare il campo di gioco, dopo aver commesso un fallo nella seconda frazione di gioco, su Sebastian Di Senso.
Ma di certo il giovane centrocampista laterale, andrà a rinforzare e non poco, lo scacchiere dei centrocampisti a disposizione del tecnico Lazic.
Una formazione quella rossoblu, molto votata alla linea verde, visto che fino ad ora, tutti questi nuovi acquisti, sono elementi molto giovani e soprattutto validi tecnicamente.
Claudio Sole

QUI MATERA pronto al novanta per cento. Forse arriverà un centrocampista italoargentino per coprire il ruolo di Mazzoleni che sarebbe senza seconda linea. Probabilmente qualche under, ma in linea di massima la pattuglia che si radunerà lunedì venti luglio allo stadio “XXI Settembre-Franco Salerno e che il giorno dopo partirà per il ritiro di Sassocorvaro è completa. «In linea di massima-afferma il tecnico del Matera, Pino Giusto, ieri a Matera per le ultime questioni da sistemare- l'organico è bello e fatto. Ci sono alcuni giocatori che ci porteremo dietro e che dovranno essere verificati. C'è stata una gran bella collaborazione con Giuseppe Fragasso e Gino Carrera che hanno operato in sintonia con me e mi hanno permesso di essere presente anche se ero in ferie». Un ossatura seniores che soddisfa Pino Giusto?
«Devo dire di sì, avevo messo sullo stesso piano sia DiMatera e Logrieco, alla fine è giunto il secondo e credo che siua un giocatore più “cattivo” del primo che mi ha deluso molto come uomo. Non è il primo e nemmeno l'ultimo nel calcio, ma è chiaro che ci resti male». Il riferimento è al ragazzo di Santeramo che differenzia da Logrieco solo perchè è più punta del bitontino, ma in quanto a qualità, grinta e motivazioni senza dubbi ci abbiamo guadagnato parecchio. Ho già visto all'opera Lçogrieco e se era sulla lista dei giocatori richiesti vuol dire che mi era piaciuto». Pochi ritocchi da fare?
«Forse qualche altro under, ma non c'è fretta perchè siamo coperti da ogni settore».
Che ritiro sarà?
«Non ho visto il posto, ma mi fido ciecamente di chi mi ha suggerito la struttura. Il mio metodo prevede subito il pallone. Quindi già per la prima domenica ci sarà un test, poi uin zona ci organizzeremo con altro appuntamento. Quindi il 26 luglio saremo già in campo per il primo test amichevole. Solo giocando parecchio potrò capire meglio le caratteristiche di alcuni ragazzi che conosco meno degli altri».
Ci sarà anche Ancora al ritiro?
«Che io sappia sì, perchè mi è stato dato come giocatore di proprietà. Io ho bisogno di tutti e viceversa. Compreso Ancora, poi se lui deciderà diversamente non è una cosa che compete all'allenatore ma alla società».
Non c'è nessun caso-Ancora, ma è chiaro che il giocatore parlerà nuovamente con la dirigenza e dovrebbe essere trovata l'intesa con un calciatore che l'anno scorso ha fatto sette reti in poche apparizioni, spesso giocando quasi da terzino destro e poco come attaccante puro o mezza punta qual'è. C'è attesa di conoscere anche il destino di Pasquale Naglieri, ma stando alle indicazioni emerse nelle ultime conferenze stampa il ragazzo di Trebisacce dovrebbe partire con la squadra per Sassocorvaro. In serbo per i tifosi biancazzurri il colpo a sorpresa: un italorargentino a centrocampo. La trattativa è in atto.
Renato Carpentieri

QUI PISTICCI-“IL Pisticci ha piazzato il suo colpo più importante”.
Con queste parole il Presidente Donato Panetta ha voluto annunciare la conclusione dell'accordo con il pugliese Franco Sgrona nel ruolo di Direttore Sportivo della Pol. C.S. Pisticci.
Sgrona è un volto noto nei campionati di Interregionale ed anche di categoria superiore ed ha dalla sua diversi anni di positiva esperienza a fianco di numerose squadre pugliesi, con le quali si è tolto anche lo sfizio, nel complesso, di vincere ben sette campionati.
Comprensibile, allora, la soddisfazione del Presidente Panetta nell'annunciare questo ingaggio.
“La trattativa è stata difficile - spiega il presidente del Pisticci -, anche perché Sgrona era corteggiato da molte società, ma alla fine ci è riuscito di convincerlo a sposare il nostro progetto.
Per noi è un onore avere nello staff una figura del suo calibro.
E devo ammettere che proprio questa trattativa ci ha spinto a rimanere fermi sul mercato. Credo che adesso il nostro destino possa cambiare, non solo per le capacità di Sgrona di fare mercato, ma anche per le sue indubbie capacità di gestione della squadra per l'intero anno”.
Subito interpellato dal Quotidiano, Sgrona ha voluto ricambiare la cortesia.
“Ringrazio il Presidente Panetta - sono le sue prima parole in gialloble - per quanto detto sul mio conto.
Se sono qui è per la mia stima nei suoi confronti.
Ho accettato perché questo Presidente è una persona eccezionale e merita fiducia. Io, comunque, sono solo una parte dell'ingranaggio, posso influire sulle scelte, ma poi è la squadra che va in campo la domenica”.
Per Sgrona è la prima esperienza in Basilicata: “ho operato sempre il Puglia - conferma il neo Ds del Pisticci - e la dimensione lucana per me è una novità.
Adesso si tratta subito di prendere confidenza con la nuova realtà ed iniziare a rimboccarsi le maniche”.
A breve, dunque, si dovrebbero registrare anche delle novità di mercato.
“Che manchi qualcosa - spiega ancora Franco Sgrona - è scontato, anche perché per affrontare la serie D bisogna essere organizzati, altrimenti diventa una esperienza pericolosa.
Sono consapevole dei limiti del budget a mia disposizione, ma mi piacciono le sfide e sono disposto a lottare e mettermi in discussione.
Pertanto al più presto vedremo di attivare tutti i canali a nostra disposizione per cercare di trovare soluzioni adeguate a completare questo organico senza dissanguarci. So che è una bella scommessa, ma ho fiducia di poterla vincere”.
Roberto D'Alessandro

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?