Salta al contenuto principale

Reggio: su social network era Sarkozy, in realtà minacciava via web

Basilicata

Via e-mail aveva detto che un funzionario della Polizia sarebbe stato ucciso «mediante bombardamenti elettromagnetici». Aveva criticato anche Manganelli

Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

Aveva inviato minacce di morte per e-mail nei confronti di un funzionario della polizia di Stato che, a suo dire, doveva essere ucciso «mediante bombardamenti elettromagnetici». Inoltre, aveva criticato aspramente, sempre via web, il Capo della Polizia, Antonio Manganelli. Gli agenti delle Comunicazioni hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione di una persona residente nella provincia di Reggio Calabria, individuata come l’autore delle minacce. La perquisizione è stata fatta su disposizione della Procura della Repubblica di Locri. Nel corso della perquisizione è stato trovato materiale informatico e prove che confermano l’ipotesi investigativa. All’ atto della perquisizione si è potuto accertare che la persona indagata era collegata in rete e si era appena registrata ad un Social network utilizzando i dati anagrafici del presidente della Repubblica francese, Nicolas Sarkozy. Ulteriori accertamenti hanno consentito di appurare che la persona, all’interno del network, utilizzando i dati anagrafici di altri soggetti pubblici, aveva postato numerosissimi commenti, facendo riferimento «alla necessità di porre dei limiti al potere di controllo mentale della Polizia» e «ai crimini commessi dai poliziotti attraverso la guerra elettronica», il tutto corredato dalla foto del Capo della Polizia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?