Salta al contenuto principale

Levoni Potenza e il sogno
Chiesto il ripescaggio

Basilicata

La società potentina ha fatto domanda per essere ammessa alla Lega Due. In prospettiva confermata la disponibilità ad allargare la base societaria con un'ipotesi di fusione con la Corporelle.

Tempo di lettura: 
2 minuti 1 secondo

LA LEVONI Potenza ha presentato domanda di ripescaggio alla LegaDue di basket. E' questa la notizia del giorno in casa bianconera. La società potentina intende continuare e innalzare il percorso avviato con successo da alcuni anni che ha portato i colori bianconeri alla scalata in serie B/1 due anni fa.
La dirigenza potentina pur dovendo fare i conti con realtà che vantano maggiori “crediti” in Federazione visti gli anni di affiliazione e altri requisiti tecnici e agonistici ha ugualmente presentato la domanda di ripescaggio nel secondo campionato nazionale.
Una notizia che arriva in un periodo particolarmente agitato negli ambienti cestistici nazionali, alle prese con le richieste avanzate dalle società sparse sul territorio di ottenere il tanto agognato ripescaggio nelle categorie superiori. In questo senso la società potentina ha sempre manifestato la più ampia disponibilità a valutare proposte finalizzate a far crescere il “progetto sportivo” che solo ha animato gli sforzi e i sacrifici economici della Potenza 84 e dei suoi appassionati dirigenti.
In questa direzione si è rivolta anche l'iniziativa risalente ad un mese fa, di mettere a disposizione il proprio mandato, ivi comprese le dimissioni del presidente Francesco Petrullo, questo per avere le finalità di dimostrare a tutti che non esistono e mai esisteranno, ne preclusioni, ne imposizioni, ne situazioni precostituite. La Potenza 84 del resto era ben disponibile ad azzerare il campo ed aprirsi a chiunque avesse voluto contribuire alla crescita e allo sviluppo economico-sportivo della pallacanestro di Potenza, ritenendo che una società che da venticinque è stata capace di raccogliere risultati importanti sul piano tecnico, visti gli ingenti sacrifici profusi dai dirigenti lucani. Proprio questo percorso fatto di programmi seri ha messo nelle condizioni la truppa di Petrullo di avanzare richiesta di ripescaggio in LegaDue.
La società rende inoltre noto che: “Questi passi erano e sono propedeutici a costruire, come ci era stato sollecitato dal Sindaco di Potenza, Vito Santarsiero, una società in grado di far crescere il progetto teso ad assicurare un basket più grande e qualificante nel capoluogo ma non ci sono state sottoposte proposte né di grandi, ne di piccoli obiettivi comuni”.
I dirigenti della Potenza 84 Levoni hanno inteso ripetere che restano confermate, e del resto non sono mai state accantonate, sia l'intenzione di ascoltare le eventuali proposte che ci saranno in futuro e sia la disponibilità a mettere in discussione programmi e vari organigrammi. La domanda di ripescaggio rappresenta la novità della giornata in casa Levoni, anche se restano le difficoltà per ottenerla.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?