Salta al contenuto principale

Sanità: incontro alla Regione sulle Rsa
di Catanzaro e Cosenza

Basilicata

Nel pomeriggio di ieri si è tenuto un incontro a Palazzo Alemanni, a Catanzaro, richiesto dal prefetto Sandro Calvosa

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

Un incontro per discutere le difficoltà di natura economica che riguardano i lavoratori delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa) relative alle province di Catanzaro e Cosenza, è stsato richiesto dal prefetto Sandro Calvosa e si è svolto a Palazzo Alemanni.
Al tavolo hanno preso posto il presidente della Regione Agazio Loiero, l’assessore alla Programmazione Nazionale e Comunitaria Mario Maiolo, il dirigente Guerzoni e Bonura per il dipartimento Salute, il dirigente generale del Dipartimento Lavoro e Servizi Sociali Marinella Marino, il dirigente di Settore Altomare, i dirigenti delle Asl di Catanzaro Rocca e Donato e il direttore generale di Cosenza Petramala, i proprietari di diverse strutture di riabilitazione socio assistenziale che operano in Calabria, Parente e Poggi.
«Le Rsa – riporta una nota – hanno lamentato difficoltà nel pagamento dei dipendenti a causa di problemi di natura burocratica che risalgono agli anni 2003 – 2004 e relativi alla determinazione della retta destinata alle suddette strutture.
Al termine dell’incontro, improntato sul confronto, il presidente della Regione e i dirigenti delle Asl si sono impegnati per accelerare le procedure che porteranno allo sblocco delle liquidità e dei pagamenti, ove dovuti».
«Purtroppo – ha detto il Presidente Loiero – stiamo pagando le colpe del passato, si tratta di problemi che abbiamo ereditato dalla giunta regionale precedente, infatti riguardano gli anni precedenti. All’origine del problema ci sono vecchi contratti stipulati con le Rsa che prevedevano una determinata tariffa che è stata contestata dai responsabili del dipartimento dell’epoca 2003 – 2004, che hanno stabilito che la tariffa doveva essere pari alla metà generando di fatto un blocco amministrativo. Su queste difficoltà oggi noi stiamo lavorando».
«A partire dal 2007 – ha concluso il presidente Loiero – è stata stabilita infatti una nuova tariffa per le Rsa, e si sta cercando di risolvere il problema e uscire dal blocco ereditato anche per consentire il pagamento degli stipendi di tutti quei lavoratori calabresi che ci stanno particolarmente a cuore».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?