Salta al contenuto principale

Parco della Sila, inaugurata la nuova sala "Cites"

Basilicata

La sala si trova nel Centro Visite del «Cupone» gestito dall’Ufficio Territoriale per le Biodiversità di Cosenza

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

E' stata inaugurata, nel Centro Visite del «Cupone» gestito dall’Ufficio Territoriale per le Biodiversità di Cosenza, la nuova sala «Cites». L'inaugurazione, preceduta dalla proiezione di alcune particolari immagini dell’attività di controllo e di salvaguardia delle biodiversità da parte del Corpo Forestale, è seguita ad un convegno che ha visto la partecipazione del Comandante regionale del Corpo Forestale dello Stato Dir.Sup.Vincenzo Caracciolo, dell’assessore regionale all’ambiente Silvestro Greco, del presidente e del direttore del Parco della Sila, rispettivamente Sonia Ferrari e Michele Laudati, del consigliere regionale Franco Morelli, di Mario Caligiuri, dell’assessore provinciale al turismo Pietro Lecce, del dirigente dell’assessorato all’ambiente regionale Giuseppe Graziano, del Primo dirigente del Corpo Forestale- Capo servizio Cites centrale Ciro Lungo e del V.Q.A.F. Vincenzo Perrone, responsabile UTB di Cosenza. All’incontro erano inoltre presenti diverse autorità civili e militari ed a moderare il dibattito vi era il giornalista Franco Bartucci. I diversi interventi durante il convegno hanno portato alla ribalta l’intento comune, delle Istituzioni e delle Autorità, di promuovere e sviluppare iniziative (fra cui proprio l'inaugurazione della Sala Cites) che sostengano l’educazione ambientale e l’informazione rivolta ai cittadini ed in particolar modo ai giovani. La realizzazione della Sala Cites, come ha sottolineato la Presidente del Parco Sonia Ferrari, è in perfetta armonia con quelle che sono le finalità del Parco Nazionale della Sila, configurandosi come luogo di informazione e di conoscenza, per i visitatori, di tematiche legate alla salvaguardia dell’ambiente ed alla delicata attività di controllo e di difesa delle biodiversità da parte del Corpo Forestale dello Stato. Un riscatto culturale della Calabria, così come ha evidenziato nel suo intervento l’assessore regionale all’ambiente, Silvestro Greco, è la chiave per migliorare questo territorio e l’informazione, l’educazione ambientale rappresentano una possibilità per la Calabria per raggiungere una consapevolezza delle proprie potenzialità. In quest’ottica, «gli Enti, i Comuni ed in particolare l’Ente Parco Nazionale della Sila – ha dichiarato l’Ass. Greco (in foto) - hanno una grande responsabilità: quella di salvaguardare e di conservare l’ambiente, ma anche e soprattutto di educare il pubblico, i cittadini tutti ad una coscienza diversa, ponendosi come modello che proponga una politica sostenibile di sviluppo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?