Salta al contenuto principale

La Provincia di Catanzaro promuove un tavolo tecnico sulla Montagna

Basilicata

L’iniziativa si svolgerà il prossimo 5 settembre presso il Centro visite «Antonio Garcea» di Villaggio Mancuso

Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

Si tratta del primo tavolo tecnico per la valorizzazione delle aree montane relativo al progetto di sviluppo del Sistema turistico locale della Provincia di Catanzaro «Terre fra due mari».
«In attesa del formale riconoscimento del sistema da parte della Regione – riporta una nota – l'Amministrazione provinciale intende procedere con la definizione operativa delle misure strategiche illustrate nel programma di massima del sistema turistico, a partire dall’elaborazione delle azioni di sviluppo delle aree montane.
Il tavolo tecnico, primo di una serie di incontri dedicati alle aree montane è finalizzato al vaglio della fattibilità dei progetti concernenti tali specificità territoriali presentati dai firmatari del protocollo d’intesa e ad un’integrazione di questi ultimi nell’ottica del raggiungimento dell’obiettivo generale contenuto nella Macro proposta denominata dal Programma di massima 'Montagna d’estate montagna d’inverno', che si propone di destagionalizzare ed elevare il livello dei flussi turistici nelle zone montane attraverso il miglioramento dell’accessibilità dei siti, l'adeguamento delle strutture ricettive e dei servizi di accoglienza e la rivitalizzazione dei piccoli borghi e dei sentieri naturalistici, organizzandone la mappatura sulla scorta di percorsi storico-culturali, con particolare attenzione all’artigianato locale, ai prodotti tipici ed alle tradizioni».
«Il progetto di valorizzazione, verrà sviluppato di pari passo con l’attuazione delle altre linee strategiche contenute nel programma di massima, ove compatibile. Le proposte progettuali concernenti l’attuazione di tali linee strategiche sono molte e sono pervenute sia da enti pubblici Comuni, Comunità Montane, Camera di Commercio, Ente Parco che soggetti privati, compresi Gal, associazioni di categoria, università e centri di ricerca».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?