Salta al contenuto principale

Soveria Mannelli: due progetti per gli alunni

Basilicata

I progetti sono "Soveria in Campus" per 40 alunni della Scuola Secondaria di I grado e "Scienza ed energia sulla punta delle dita"

Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

Sono 75 gli alunni di Soveria Mannelli (Cz) che si preparano per la partenza grazie ai due progetti realizzati dall’Istituto Rodari e finanziati dalla Regione Calabria.
La presentazione dei due progetti si è tenuta nell’ambito delle manifestazioni di Essere a Soveria 2009, a fare gli onori di casa, Davide Rocca (in foto), assessore all’Innovazione del Comune di Soveria Mannelli, che ha ribadito l'impegno dell’amministrazione comunale nel supportare le iniziative della scuola e la piena collaborazione con l'Istituto Rodari per la realizzazione di nuovi progetti di formazione che coinvolgano il maggior numero di cittadini.
Con il progetto "Soveria in Campus" 40 alunni della Scuola Secondaria di I grado realizzeranno un viaggio studio di 21 giorni ad Uxbridge presso la Burnel University per apprendere la lingua inglese.
L’altro progetto è "Scienza ed energia sulla punta delle dita", un campo scuola della durata di una settimana a Innerbach nella Valle Aurina (Trentino Alto Adige) per gli alunni della Scuola Elementare che prevede un percorso educativo sulle fonti di energia rinnovabile, realizzato in partnership con il WWF.
In occasione della presentazione dei progetti, Carmela Mancuso, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo «Rodari» di Soveria Mannelli, ha sottolineato che «i bandi della Regione Calabria sono un’opportunità da cogliere ed hanno una ricaduta positiva sul singolo studente e sul territorio, sono momenti di crescita per gli alunni e rappresentano un investimento nella formazione culturale e professionale dei ragazzi».
Alla presentazione ha partecipato per l’Istituto Rodari anche Corrado Plastino, docente dell’IC «Rodari» e coordinatore delle attività progettuali che ha dichiarato: «il 2009 è stato un anno di rivoluzione per la scuola di Soveria Mannelli: abbiamo realizzato molti progetti perfettamente integrati nel POF dell’Istituto e che propongono ai ragazzi un modo per potere passare dalla teoria della lezione in aula alla pratica della sperimentazione diretta, e un modo per sentirsi pienamente integrati nella realtà italiana ed europea». Luigi Costanzo, giovane consulente sui temi dell’istruzione e della formazione di numerosi enti pubblici e privati e della Regione Lombardia, ha evidenziato «come il valore aggiunto di qualsiasi progetto di formazione, soprattutto nell’ambito delle politiche per il capitale umano del FSE, si calcola in primis dalla ricaduta del progetto sugli allievi e poi dalla qualità della progettazione esecutiva, dell’integrazione delle attività con il POF, della valutazione e del monitoraggio». Ospite dell’incontro, Florindo Rubbettino, imprenditore e Presidente di Confidustria Giovani Calabria, che ha rimarcato «l'importanza della formazione continua e variegata per aumentare le chance dei ragazzi nel mondo del lavoro».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?