Salta al contenuto principale

Ginestra, successo per il concerto di Ranieri

Basilicata

Oltre 4.000 i presenti che hanno assistito alla performance del cantante. Molto soddisfatti gli organizzatori primo fra tutti don Gilberto che ha raccolto fondi per la chiesa di Santa Maria di Costant

Tempo di lettura: 
1 minuto 11 secondi

di LORENZO ZOLFO Circa 4000 persone, alcune provenienti anche dalle Regioni limitrofe, hanno assistito ad oltre due ore di spettacolo-concerto del 58enne Massimo Ranieri, accompagnato dalle note musicali di un'orchestra di musiciste e da un corpo di ballo al femminile. L'artista napoletano, nato nel quartiere popolare di Santa Lucia, è rimasto contento di come il numeroso pubblico l'ha accolto ed applaudito ad ogni sua canzone. Un artista nato dal nulla, ha iniziato a cantare per aiutare la famiglia numerosa nei ristoranti e per i vicoli di Napoli.
Massimo Ranieri, flebile ma potente allo stesso tempo, resta uno degli interpreti più particolari della grande canzone napoletana e non solo. Prima del concerto è stato proiettato un video nel quale veniva invocata da parte della popolazione la presenza di Massimo Ranieri a Ginestra, consegnata all'artista napoletano nell'incontro “storico” col parroco nell'inverno del 2008. Tra i presenti al concerto anche alcuni fratelli e sorelle del parroco don Gilberto, originario di Melfi che hanno definito il fratello: “da piccolo un bel birbante e scherzoso con tutti i suoi 8 fratelli e 2 sorelle, ma con un' anima buona e grande organizzatore nella famiglia”. A fine concerto il parroco don Gilberto ha riferito: “siamo poveri, ma con le scarpe pulite” ed ha fatto dono a Massimo Ranieri di una piatto di ceramica raffigurante il mosaico bizantino del Cristo Pantocratore, che domina l'interno della chiesa madre di San Nicola Vescovo.
(I particolari del concerto e le foto nell'edizione cartacea di domani)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?