Salta al contenuto principale

La mamma di Federica Monteleone: "Sulla sanità intervenga Berlusconi"

Basilicata

E' indignata, per gli altri presunti casi di malasanità, Maria Sorrentino, madre della ragazza morta dopo essere stata operata di appendicite nel 2007

Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

«Stiamo assistendo ad un vero e proprio bollettino di guerra». È indignata Maria Sorrentino, la mamma di Federica Monteleone, la sedicenne entrata in coma nel gennaio del 2007 mentre veniva sottoposta ad un’operazione di appendicite nell’ospedale di Vibo Valentia e deceduta una settimana dopo in quello di Cosenza, che chiede l'intervento del premier, Silvio Berlusconi, dopo i recenti episodi di presunta malasanità. «Mentre a Locri si celebravano i funerali della piccola Sara - afferma la donna – a Lamezia Terme un altro giovane lasciava questa vita per un’appendicectomia e a Vibo Valentia veniva aperta una nuova inchiesta per, oramai, l’ennesimo caso sospetto di malasanità. È una vera e propria calamità naturale e in quanto tale un Presidente del Consiglio ha il dovere di recarsi sul luogo del disastro e toccare con mano danni e cause». «E' probabile che io possa apparire pesante e ripetitiva – prosegue la donna – ma pesante e ripetitivo è il dramma che sta colpendo sempre più famiglie come la mia. Il mio cuore sanguina di un dolore umanamente insopportabile e questo penso possa bastare a giustificare la mia insistenza affinchè si prendano seri provvedimenti. È insopportabile pensare di vivere in un Paese in cui si fanno leggi che perseguono penalmente chi abbandona un cane e si lascia libero chi uccide in corsia». «Invito il presidente del Consiglio – conclude – a venire in Calabria a verificare personalmente la situazione dei nostri ospedali, perchè è davvero mortificante accendere la tv, guardare un Tg che un momento prima mostra i funerali di una bimba morta in Calabria per malasanità e subito dopo di un triplo trapianto all’ospedale le Molinette di Torino. Oggi io mi chiedo: 'ma noi calabresi siamo italiani solo in campagna elettorale?'. Attendo risposta»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?