Salta al contenuto principale

Crotone, il Consiglio di Stato accoglie il ricorso
del trust di Vrenna: le società avranno l'Antimafia

Basilicata

Potrà riaprire la discarica di Sovreco e le società Salvaguardia e Mida hanno le carte in regola per ottenere il certificato Antimafia lo ha deciso il Consiglio di Stato, dopo il terzo ricorso avverso

Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

Le imprese del gruppo Vrenna sono riabilitate. Lo ha disposto il Consiglio di Stato. La vicenda inizia dopo che l'imprenditore Raffaele Vrenna, proprietario del 51 per cento delle azinede del gruppo, è stato condannato in primo grado nell'ambito del processo Puma per concorso esterno in associazione mafiosa. A quel punto la Prefettura di Crotone ha negato il certificato antimafia alle azinede del gruppo. A quel punto Vrenna ha ceduto le sue quote e ha creato un trust, amministrato dall'ex procuratore della repubblica, Franco Tricoli.Uscito di scena Vrenna i legali hanno richiesto il certificato Antimafia, ma il Tar lo ha negato, è stato presentato ricorso al Consiglio di Stato che ha dato ragione al gruppo. Ma la Prefettura si è riservato di rilasciare il certificato subito. La battaglia legale è continuata. Poi l'ultima sentenza del Consiglio di Stato lo scorso 25 agosto. Da oggi i rifiuti solidi urbani di Crotone (ma anche di Cosenza) possono continuare a sversare nella discarica di Sovreco e le società mistedel gruppo sono riabilitate. "Fatta salava la valutazione di eventuali elementi sopravvenuti", scrive il Consiglio di Stato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?