Salta al contenuto principale

Il Cosenza 1914 è sereno e fiducioso

Basilicata

1ª Divisione. I rossoblù di Toscano in attesa delle performance di Fiore e Biancolino. La prova contro il Verona fa stare tranquilli, ma la fase offensiva è da migliorare

Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

di ALESSANDRO RUSSO
Un buon pareggio e una bella interpretazione quella del Cosenza contro il Verona annunciato al San Vito come uno spauracchio. Cosenza capace di gestire bene il primo tempo e lasciare poco al Verona, apparso squadra di buon livello tecnico e di ottime individualità. Il pareggio va accettato con serenità viste anche le condizioni nelle quali il Cosenza si è presentato alla gara, con diversi forfait, su tutti quello di Stefano Fiore, ma senza dimenticare Di Bari, Nastasi, Marsili, e poi con Biancolino ancora a mezzo servizio seppur in campo per una ventina di minuti buoni. Toscano in questo avvio di stagione sta lavorando bene e il lavoro di tutto lo staff tecnico si vede. La squadra ha delle potenzialità di miglioramento e fino a gennaio avrà modo di cimentarsi con il torneo. Non bisogna dimenticare di tenere i piedi ben saldi a terra e dunque giocare gara dopo gara per cercare i punti che valgono la permanenza e poi mettersi a puntare diversi obiettivi. Certo, viste le premesse e le buone credenziali dimostrate dalla squadra l’ottimismo fa capolino, ma senza cadere nella trappola dell’obiettivo a tutti costi. Il primo passaggio dovrà essere il miglioramento della fase offensiva, soprattutto in casa, dove gli avversari si mettono dietro ad attendere, pensando più a distruggere che ad altro. Il lavoro oscuro di Ceccarelli sta dando i suoi frutti, ma con il marcantonio Biancolino in forma sarà probabilmente tutt’altra musica. La settimana che inizia sarà buona per mettere Fiore nelle condizioni di esordire e per migliorare lo stato di forma di Biancolino che, messo in riga, potrà essere l’uomo in più e necessario alla manovra gol del Cosenza 1914. Dopo la gara con l’Hellas, giocata davanti a una buona cornice di pubblico e un San Vito vociante, la prossima sfida sarà contro l’Andria di Oberdan Biagioni, ottimo test contro una squadra ancora a zero punti, per di più beffata proprio allo scadere in quel di Rimini. Un test insidioso che il Cosenza visto all’opera in trasferta potrà gestire bene e puntare al secondo successo stagionale. Una garanzia sull’approccio alle gare e sulle possibilità di cercare i tre punti sono le quattro gare esterne, due di Coppa e due di campionato. Auspici positivi soprattutto se Danti(nho) sarà quel mattatore che abbiamo visto in queste giornate. Il talento rossoblù è un punto fermo di questo Cosenza e per lui, se rimarrà modesto come ha sempre fatto, non tarderanno a schiudersi le porte della serie A. Intanto, fino a giugno dovrà fare le fortune dei Lupi con la sua dote di qualità e gagliardìa che lo hanno fatto diventare il pupillo del San Vito. Ad Andria, sulla strada del Cosenza, ci sarà l'ex Oberdan Biagioni, ancora fermo al palo dopo quattro gare.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?