Salta al contenuto principale

Esclusivo: la telefonata di Gianni Letta

Basilicata

E' l'intercettazione che ha diviso le due procure. Per Woodcock era una telefonata indiziante. Per il pm di Roma era inutile

Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

di FABIO AMENDOLARA
LAGONEGRO - La segretaria annuncia: «Pronto? E' Gianni Letta al telefono». Negli atti che il Quotidiano ha potuto consultare c’è la trascrizione della telefonata del sottosegretario.
E’ l’unico contatto telefonico. Quello di cui parla anche il procuratore generale della Corte di cassazione nella sua ordinanza che stabilisce qual è la procura competente. E’ una telefonata già valutata. Per Woodcock era indiziante. Per il pm di Roma no. Letta parla con Angelo Chiorazzo. Letta: «Eccomi, buona sera». Chiorazzo: «Buon giorno dottore. Era solo per dirle di Cicchetti, se per cortesia poteva sentirlo lei, perché la. ormai siamo in dirittura d'arrivo». Letta: «Va bene, va bene».
Chiorazzo: «Grazie dottore». Letta: «Grazie». Chiorazzo: «Mi doveva far sapere di Morcone se. dell'altro appuntamento che avevamo lasciato in sospeso. Si ricorda? Il prefetto per la.». Letta: «Sì, sì. Perfetto». Chiorazzo: «Grazie. grazie.». Anche Letta alla fine ringrazia.
f.amendolara@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?