Salta al contenuto principale

A Cosenza nasce l'Albo provinciale degli agronomi

Basilicata

Sarà presentato martedì prossimo, a Cosenza, l’Albo professionale provinciale dell’Ordine dei Dottori agronomi e dottori forestali

Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

L’incontro per la presentazione del nuovo albo sarà presieduto dal presidente dell’Ordine Giovanni Perri e dal presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio (in foto).
«L'aggiornamento e la pubblicazione dell’Albo – ha dichiarato Perri – costituisce un importante momento di conoscenza per le aziende e per gli enti delle peculiarità delle competenze di cui è ricca la nostra professione.
I protagonisti dell’iniziativa sono tutti gli iscritti, testimoni eccellenti del loro impegno teso a fronteggiare e vincere le sfide del progresso e dell’innovazione tecnologica e produttiva, sapendo garantire la sostenibilità ambientale degli interventi».
«Anche se resta forte il radicamento al settore primario ed al suo indotto – sostiene ancora Perri – il ruolo del dottore agronomo e forestale tende ad arricchirsi di tante e nuove occasioni di coinvolgimento in team di lavoro variegati ed articolati, per la realizzazione di progetti complessi».
Per il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, si tratta di un’ulteriore momento di collaborazione con l’Ordine degli agronomi e forestali che «in questi anni ha concorso in maniera puntuale all’utilizzo corretto del territorio, monitorandone le criticità, guardando con attenzione al paesaggio ed all’ambiente, riuscendo ad individuare ed indicare nuovi coerenti modelli di sviluppo».
«Per la stesura e l’elaborazione del Piano territoriale di coordinamento provinciale, ad esempio – prosegue Oliverio – la collaborazione con gli agronomi e forestali guidati dal presidente Perri è stata utilissima per quanto attiene, in particolare, alla definizione e classificazione delle aree agricole e forestali, utili per coniugare lo sfruttamento delle risorse con l’uso del suolo e la valorizzazione del paesaggio e dell’ambiente, i sistemi insediativi e relazionali con i presidi storici e le eventuali vocazioni turistiche del territorio».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?