Salta al contenuto principale

Ginestracandida ha soldi
ma non trova giocatori

Basilicata

Paradossale situazione per la squadra di calcio di Seconda Categoria che riunisce due paesi, Ginestra e Ripacandida. L'iscrizione è a rischio

Tempo di lettura: 
2 minuti 31 secondi

GINESTRA La crisi di… calcio si avverte anche in alcuni centri del Vulture. A Venosa, cittadina di oltre 12 mila abitanti, dopo la partecipazione alla prima categoria dello scorso anno, fino ad oggi, non c'è nessuna squadra che parteciperà ai campionati dilettantistici regionali. Sicura è la partecipazione dell'Oraziana Venosa, squadra composta da giovani che prenderà parte al campionato, Allievi Regionali, che prenderà il via sabato prossimo, 20 settembre. Altri due centri che soffrono la voglia di…calcio sono Ginestra e Ripacandida. Due centri che 11 anni fa hanno deciso di fondersi, costituendo un unico sodalizio sportivo, il Ginestracandida, che partecipa al campionato di seconda categoria. La squadra, affidata, negli ultimi due campionati disputati, alla guida di mister Michele Lettieri, ex giocatore del Ginestracandida è servita ad aggregare giovani dei due centri che attraverso il calcio hanno potuto trascorrere il tempo libero…divertendosi e riuscendo a diventare un ottimo contenitore sociale, fuorviante da possibili devianze giovanili. Sembra che quest'anno le cose sono cambiate. Michele Lettieri dallo scorso 7 settembre è a disposizione della squadra per la preparazione pre-campionato. Dopo alcuni giorni di presenza numerosa dei giocatori al campo “San Donatello” di Ripacandida, un bellissimo manto erboso, da far invidia ai tanti centri più grandi della Basilicata, all'improvviso Lettieri si è trovato con pochissimi giocatori a disposizione, non sufficienti per garantire l'iscrizione della squadra al campionato. A complicare le cose ha dato forfait anche il bomber Rubino Loriso, un giocatore che nella sua carriera calcistica ha segnato più di 150 gol, quasi un gol a partita, che per motivi di lavoro a fine mese si trasferirà al nord. Sembra strano, la squadra probabilmente non si iscriverà al campionato per mancanza di giocatori, mentre le risorse economiche ci sono. I dirigenti non demordono, in primis Lettieri e Dileo. Il presidente Carlo Allamprese, dopo tanti anni di presidenza, garantendo le risorse economiche ad ogni campionato, ha deciso di lasciare ed ha inviato una lettera di dimissioni nella giornata dello scorso 16 settembre ai Sindaci di Ripacandida e Ginestra. Ecco il contenuto di questa lettera: “ Sigg. Sindaci, mio malgrado devo constatare ed informarvi della scarsa disponibilità di ragazzi locali che ci garantirebbero la rosa di giocatori per l'iscrizione e svolgimento del campionato di calcio 2009-2010 di II^ categoria. La mia è l'amara constatazione di chi è appassionato di calcio e del Ginestracandida. La mia idea di calcio ai nostri livelli è semplice: una squadra di bravi giocatori amici e locali che possa fare da catalizzatore sociale per altri ragazzi. Ritengo che quest'anno non vi siano le condizioni dette e che l'unica possibilità rimane quella di costruire una squadra con diverse persone di fuori che richiedono essere pagati a partita. Quanto detto non risponde alla mia idea di calcio,e pertanto lascio la presidenza a chi ritiene di continuare. Rimane per me l'orgoglio di avere salvato e ricostruito il Ginestra anni addietro, poi, di essere riuscito con Gaetano Sepe a fare una improbabile fusione con il Ripacandida che ci ha garantito la continuità per diversi anni sino ad oggi. Ho ritenuto doveroso informavi e rendervi partecipi del presente e/o futuro per chi vorrà determinarlo”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?