Salta al contenuto principale

Corigliano: quattro persone in manette
per tentata estorsione

Basilicata

I Carabinieri di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto quattro persone per tentata estorsione in concorso

Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

Sono finiti in manette Arcangelo Francesco Conocchia, 44 anni, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno; il figlio Antonio, di 25 anni, anche lui sorvegliato speciale ed ancora Pietro Conocchia, 78 anni, pregiudicato, zio di Arcangelo Francesco Conocchia, e Francesco Campana, 52 anni, anch'egli pregiudicato.
Secondo i militari, Pietro Conocchia si sarebbe recato nella zona industriale di Corigliano, in contrada Salice, in un allevamento di ovini. Qui avrebbe preteso di acquistare alcune capre al prezzo di 10 euro ciascuna, a fronte però di un valore di mercato pari a circa 50 euro.
Ricevuto un secco rifiuto da parte dei due allevatori proprietari del gregge, Conocchia si è allontanato proferendo minacce. Poco dopo si sarebbe ripresentato presso l’allevamento insieme agli altri arrestati.
I quattro avrebbero aggredito i due allevatori, colpendoli con calci e pugni per la mancata vendita degli animali al loro parente. Uno degli allevatori ha riportato contusioni al cranio, all’addome ed alla mano destra, giudicate guaribili dai sanitari in sette giorni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?