Salta al contenuto principale

Ferrovie: i sindacati scrivono alla Regione Calabria

Basilicata

I sindacati chiedono al Presidente della Giunta regionale, di convocare una riunione con i sindacati e gli altri soggetti istituzionali interessati

Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

Le segreterie regionali dei sindacati Filt Cgil, Fit-Cisl, Fast-Ferrovie, Ugl Ferrovie e Orsa della Calabria hanno diffuso il testo di una lettera indirizzata al presidente della Regione, all’assessore regionale ai trasporti, ai presidenti delle province ed ai sindaci delle città capoluogo definendo «grave la situazione che si sta determinando nel sistema dei trasporti in tutto il Mezzogiorno e, in modo particolare in quello ferroviario, nella nostra Regione. È vero, anche per le nostre iniziative dei mesi passati, il vertice di FS ha smentito qualsiasi cancellazione di treni in Calabria, almeno fino a dicembre prossimo venturo. Ma non possiamo certo rimanere tranquilli ed inerti – continuano i sindacati – ad aspettare le decisioni di FS e del governo nazionale. Dal canto nostro abbiamo già allertato le nostre segreterie nazionali affinchè si facciano interpreti presso il gruppo FS della nostra protesta e della nostra preoccupazione, ed anche per questo avvieremo, già nei prossimi giorni, una serie di consultazioni nella società calabrese per ricercare un più ampio consenso alla nostra piattaforma rivendicativa che avrà un primo momento attraverso un attivo interregionale. Noi pensiamo – è scritto nella missiva – che il sistema della mobilità regionale e nazionale non ha solo bisogno di una mera difesa della situazione attuale, che pure rischia di subire un altro pesante colpo, ma ha la necessità di conquistarsi, al pari delle altre regioni del Sud, una qualità di servizio e di trasporto che fino adesso ci è stata negata e che è l’unico modo per rafforzare il tessuto economico e sociale della Calabria. Pensiamo oltretutto che, qualsiasi battaglia che abbia l’obiettivo di raggiungere un risultato positivo non si possa rifugiare in un interesse corporativo ma deve essere il frutto di un ampio coinvolgimento di tutte le articolazioni sociali ed Istituzionali della Calabria a cominciare, ovviamente, dal Presidente della Giunta regionale e dell’Assessore, dei Presidente delle Provincie e dai Sindaci dei capoluoghi calabresi».
La richiesta finale dei sindacati è quella di ottenere un incontro «per predisporre una comune proposta progettuale da proporre e sostenere con i vertici nazionali di FS».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?