Salta al contenuto principale

A Nova Siri il primi disability manager

Basilicata

Un consulente esterno al Comune per sensibilizzare alla cultura dell'abbattimento
delle barriere architettoniche

Tempo di lettura: 
2 minuti 20 secondi

di ANTONIO CORRADO
Si chiama “disability manager” e, per lavoro, è impegnato nella sensibilizzazione delle pubbliche amministrazioni verso l’abbattimento delle barriere architettoniche. Il Comune di Nova Siri è oggi tra i primi in Italia, unico in Basilicata, a dotarsene, con provvedimento votato all’unanimità dal consiglio comunale riunito nei giorni scorsi.
Il compito di questa sorta di “consulente per la sensibilità sociale” verrà ricoperto a titolo gratuito dal disabile napoletano (ma novasirese di adozione), Salvatore Scarpato, responsabile della cooperativa “Aerrem”. In particolare, il suo compito sarà quello di promuovere la semplificazione e la definizione chiara delle responsabilità in materia di abbattimento delle barriere architettoniche.
E’ una figura già presente da tempo in altri Paesi europei, si muove dal settore dell’urbanistica a quello dell’architettura, per passare attraverso le scelte di responsabilità sociale dell’impresa. Per l’Italia è una nuova professione, sollecitata anche dal “Libro Bianco per l’accessibilità e la mobilità urbana” del 2008. La norma stabilisce che per i comuni con popolazione superiore ai 50mila abitanti il disability manager sia un consulente esterno, mentre per gli enti sotto la soglia fissata dovrebbe essere un dipendente comunale specializzato. A Nova Siri la scelta è ricaduta ugualmente su una figura esterna, considerata la competenza, la disponibilità e l’impegno gratuito offerto da Scarpato. Inoltre, l’incarico è ancora sperimentale. «La proposta -spiega il sindaco Pino Santarcangelo- nasce dall'esigenza di dare attuazione alle finalità dello Statuto del Comune in tema di pari opportunità, valorizzazione della persona umana, qualità della vita e raccoglie le proposte innovative del Libro Bianco (linee guida per gli enti locali del Tavolo tecnico istituito tra il Comune di Parma e il ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali)».
Il testo si divide in due parti: nella prima vengono descritti i criteri per una migliore fruibilità dei luoghi di vita, scuola e lavoro e le linee guida per una maggiore accessibilità dei trasporti, dei servizi e dell'informazione, vengono proposti strumenti di incentivazione e controllo, suggerendo azioni sinergiche e trasversali alle amministrazioni locali; la seconda parte raccoglie 26 tavole di consigli pratici: dalla scelta dei materiali alla domotica, passando per lo sport, il turismo, le politiche abitative e culturali, le stazioni e gli aeroporti. «Negli intenti del Comune di Nova Siri -prosegue Santarcangelo- l'iniziativa servirà ad aumentare la sensibilità e l'attività politico-amministrativa sui temi dell'accessibilità e della mobilità.
Si tratta, in sostanza, di dare corpo e visibilità a un lavoro culturale, finalizzato alla piena fruizione di aree e servizi pubblici, anche alle persone con ridotte capacità motorie e sensoriali, e che nei fatti e per naturale conformazione viene riconosciuta al territorio di Nova Siri, aprendo anche nuove possibilità economiche e di sviluppo turistico».
Il disability manager, esterno all'Amministrazione ma con un importante curriculum specifico, provvederà anche alla formazione di funzionari comunali, che potranno in futuro essere investiti del ruolo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?