Salta al contenuto principale

Sanità, bimbo morto: tre medici condannati.
Il dottor Rota, condannato solo per falso

Basilicata

Tre medici dell’ospedale di Cosenza condannati, per la morte di Andrea Bonanno, il bambino di sette anni deceduto nel 2005 nell’ospedale di Cosenza

Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

Tre medici dell’ospedale di Cosenza sono stati condannati per la morte di Andrea Bonanno, il bambino di sette anni deceduto nel 2005 nell’ospedale di Cosenza.
La sentenza è stata emessa dal tribunale di Cosenza, in composizione monocratica (giudice Gianfranco Grillone).
REsponsabili del decesso del piccolo sarebbero il primario di ortopedia dell'ospedale di Cosenza, Francesco Togo e un altro medico di reparto, Achille Maria Scalercio. Per entrambi l'accusa è di omicidio colposo.
Condannato invece ad otto mesi per il reato di falso il dottor Battista Rota. Assolto, infine, l’altro medico coinvolto nella vicenda, Antonio Franco.
Si precisa che: il dottor Battista Rota è stato assolto dall’accusa di omicidio colposo e condannato solamente per quella di falso. Secondo il giudice Grillone avrebbe cioè falsificato la cartella clinica del piccolo Andrea Bonanno. Da qui l’originaria richiesta di condanna a due anni, col pm che lo aveva ritenuto responsabile sia per l’omicidio che, appunto, di falso.
Rota è stato pertanto assolto dall’accusa di omicidio colposo contrariamente a quanto si era appreso in un primo tempo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?