Salta al contenuto principale

Processo Panio: Assoluzione d'appello per la giunta Bubbico

Basilicata

La Corte d'appello di Potenza ha confermato la sentenza di primo grado. Gli imputati erano accusati di aver ordito un complotto politico per defenestrare il manager dell'Asl di Venosa

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

POTENZA - Confermando la sentenza emessa dal Tribunale il 4 marzo 2008, la Corte di Appello di Potenza ha assolto gli ex componenti della giunta regionale della Basilicata in carica fra il 2000 e il 2001 – fra i quali il sen. Filippo Bubbico (Pd) e l’attuale governatore, Vito de Filippo (Pd) – e alcuni funzionari dall’accusa di concorso in abuso d’ufficio. L’accusa contestò a Bubbico (all’epoca dei fatti presidente della giunta regionale), a De Filippo (allora assessore alla sanità) e agli altri indagati di aver perseguito «un disegno di natura politica» sospendendo dal servizio e poi interrompendo il contratto dell’allora direttore generale dell’Asl di Venosa (Potenza), Giuseppe Panio, per favorire la nomina di Giancarlo vainieri, considerato vicino alle posizioni politiche di Bubbico. La denuncia di Panio portò all’invio di atti alla Procura di Catanzaro: la vicenda ebbe quindi una parte nell’inchiesta «toghe lucane» del pm Luigi De Magistris. I difensori di De Filippo, Mimmo Ferrara e Fabio Viglione, hanno ricordato la «serenità» con la quale De Filippo si è sottoposto al giudizio dei giudici e hanno evidenziato che la sentenza «contribuisce ulteriormente ad allontanare dal Presidente della Regione ombre e sospetti spesso strumentalmente evocati».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?