Salta al contenuto principale

Fenice, scoperte sostanze cangerogene

Basilicata

Nella falda sottostante al termovalorizzatore Fenice di San Nicola di Melfi sono state scoperte sostannze cancerogene che vanno dal nichel ai fluoruri. Si tratta di «composti contaminanti», secondo la

Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

Tra nichel e fluoruri ci sono quelle sostanze che i chimici chiamano gli «alifatici clorurati cancerogeni». Sono «composti contaminanti», secondo la polizia provinciale del distretto di Rionero in Vulture che, per conto della procura, sta conducendo l'indagine sull'incidente accaduto al termovalorizzatore la Fenice di Melfi. Le sostanze inquinanti sono presenti in tutti e nove i pozzi costruiti a nord del termovalorizzatore. Sono mesi che Maurizio Bolognetti, leader dei radicali lucani, chiede senza risultati i dati raccolti dall'Arpab, l'agenzia regionale per l'ambiente. Il Quotidiano ha potuto consultarli in esclusiva.
Ecco cosa emerge: «Dall'esame dei certificati di monitoraggio emerge che nei campioni di acqua di falda prelevati in data 14 gennaio 2009 sono presenti composti inorganici e sostanze contaminanti in concentrazioni superiori ai limiti». Nei campioni di acqua di falda prelevati nel "Pozzo uno" sono presenti sostanze contaminanti del tipo alifatici clorurati cancerogeni (triclorometano, tricloroetilene) e del tipo alifatici alogenati cancerogeni (bromodiclorometano) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». Anche il "Pozzo due" è inquinato: «Nei campioni di acqua di falda prelevati sono presenti composti inorganici (nichel) e sostanze contaminanti del tipo alifatici clorurati cancerogeni (triclorometano, tricloroetilene, tetracloroetilene) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». "Pozzo tre": «Nei campioni di acqua di falda prelevati sono presenti composti inorganici (nichel) e sostanze contaminanti del tipo alifatici clorurati cancerogeni (triclorometano, tricloroetilene, tetracloroetilene) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». Nei campioni di acqua di falda prelevati nel "Pozzo quattro" «sono presenti sostanze contaminanti del tipo alifatici clorurati cancerogeni (tricloroetilene) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». "Pozzo cinque": «Nei campioni di acqua di falda prelevati sono presenti composti inorganici (nichel) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». "Pozzo sei": «nei campioni di acqua di falda prelevati sono presenti composti inorganici (mercurio, nichel) e sostanze contaminanti del tipo alifatici alogenati cancerogeni (dibromoclorometano, bromodiclorometano) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». "Pozzo sette": «Nei campioni di acqua di falda prelevati sono presenti composti inorganici (mercurio, nichel) e sostanze contaminanti del tipo alifatici clorurati cancerogeni (tetracloroetilene) e del tipo alifatici alogenati cancerogeni (bromodiclorometano) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». "Pozzo otto": «Nei campioni di acqua di falda prelevati sono presenti composti inorganici (nichel) e sostanze contaminanti del tipo alifatici clorurati cancerogeni (tetracloroetilene) in concentrazioni superiori ai limiti di legge». "Pozzo nove": «Nei campioni di acqua di falda prelevati sono presenti composti inorganici (nichel) e sostanze contaminanti del tipo alifatici clorurati cancerogeni (tetracloroetilene) in concentrazioni superiori ai limiti di legge».
Ecco, invece, l'analisi dei dati: «Dall'esame dei rapporti di prova relativi all'analisi chimica e batteriologica delle acque sotterranee prelevate dai pozzi cinque, sei, sette e otto risulta un saggio di tossicità acuta». E' anche per questo, forse, che la polizia giudiziaria aveva invitato la procura di Melfi a sequestrare un forno rotante del termovalorizzatore.
Fabio Amendolara

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?