Salta al contenuto principale

A Rionero, «Presidente non firmare»
Napolitano: «La carta parla chiaro»

Basilicata

Il Presidente della Repubblica, giunto a Rionero per intervenire al convegno sulla questione meridionale è stato accolto da alcuni cori che chedevano di non firmare la legge. Agli stessi cittadini, pe

Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

RIONERO - «Presidente, non firmi, lo faccia per le persone oneste», ha detto un cittadino al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano,che giunto a Rionero pe ril seminario sul mezzogiorno (a conclusione della tre giorni lucana) stava per entrare a palazzo Fortunato. Ma il presidente ha risposto: «Nella Costituzione c'è scritto che il presidente promulga le leggi. Se non firmo oggi il parlamento rivota un’altra volta la stessa legge ed è scritto che a quel punto io sono obbligato a firmare. Questo voi non lo sapete? Se mi dite non firmare, non significa niente». Era stato accolto con applausi e incitamenti a «non firmare» il decreto sullo scudo fiscale. Il Capo dello Stato è sceso, così, dall’auto e si è fermato a parlare con alcuni dei molti cittadini venuti a salutarlo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?