Salta al contenuto principale

Recuperati in Sila, cercatori di funghi dispersi

Basilicata

In questo periodo sono diverse le persone che per imperizia ed imprudenza si trovano in difficoltà durante la ricerca di funghi, i quali possono causare gravi danni anche per chi non sa riconoscerli

Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

Alcune persone che avevano perso l'orientamento in Sila in circostanze diverse sono state ritrovate da uomini del Corpo Forestale dello Stato.
Il Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di località Monaco, su segnalazione della Sala Operativa di Reggio Calabria, ha rintracciato C.A., 51 anni, di Borgia, nei pressi della località Marù agro di Taverna nel Parco Nazionale della Sila.
L'uomo, intento nella ricerca di funghi, aveva perso l'orientamento e solo grazie al fatto di aver potuto utilizzare il telefono cellulare avvisando il Corpo forestale dello Stato, è stato raggiunto e ritrovato da una pattuglia. L’uomo, secondo quanto riferito, era in perfette condizioni psico-fisiche ed è stato accompagnato dagli agenti al propria autovettura.
Ultimata questa operazione la stessa pattuglia ha ricevuto un’ulteriore segnalazione relativa ad altre due persone smarrite (anche in questo caso erano alla ricerca di funghi) in località Mamma Giuseppina in agro di Taverna (Cz). Entrambi, dopo vari tentativi, sono stati ritrovati alle ore 17,15: si tratta di P.A. di 56 anni e S.F. di 53, entrambi di Catanzaro, marito e moglie i quali hanno riferitodi aver perso l'orientamento già dalla mattinata verso le ore 11. I coniugi erano in buone condizioni psico-fisiche. Solo la donna, affetta da diabete, presentava un calo di zuccheri, subito risolto.
Si evidenzia a tal fine che questi devono essere raccolti con cautela e attenzione rispettando l’ambiente e tutelando il giusto equilibrio dell’ecosistema.
I cercatori, che implicitamente sono anche amanti della natura e dell’ambiente certamente devono usufruire delle opportunità di raccolta che la stagione, se favorevole, può offrire, ma nel rispetto delle leggi e delle norme locali e assumendo comportamenti responsabili ed eticamente adeguati.
Le regole alle quali attenersi per la raccolta son o previste da una legge quadro nazionale e nel dettaglio, da una specifica Legge Regionale di recente modificata ed integrata, alle quali è necessario attenersi. Il pronto intervento del C.F.S. e la profonda conoscenza del territorio è stato risolutivo anche questa volta.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?