Salta al contenuto principale

Why Not, politici assenti all'udienza. De Magistris: "non sorprende"

Basilicata

Sull'assenza dei politici indagati alla prima udienza del procedimento Why Not, interviene l'ex pm di Catanzaro, Luigi De Magistris

Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

«Prendo atto dell’assenza della Regione Calabria, ieri, all’udienza preliminare del procedimento nato dall’indagine Why not. La notizia, per la verità, non mi coglie esattamente di sorpresa, ma certamente non mi pare un segnale positivo e rassicurante in una vicenda che tanto ha segnato il volto e l’animo di una cittadinanza e di una terra maltrattate e depredate».
È quanto afferma Luigi de Magistris, europarlamentare dell’Italia dei valori, in merito alla mancata richiesta di costituzione di parte civile dell’Ente regionale all’udienza davanti al giudice di Catanzaro, pur se proprio la Regione era l’unica indicata come persona offesa nella richiesta di rinvio a giudizio avanzata nei confronti di 98 persone, delle quali molte sono pubblici amministratori.
«Nessuna sorpresa, ripeto – aggiunge l'europarlamentare che da pm aveva avviato l’inchiesta -, dal momento che proprio il presidente della Giunta regionale, Agazio Loiero, è tra gli imputati, come lo è il suo predecessore Giuseppe Chiaravalloti. È fin troppo evidente, dunque, l’enorme conflitto di interessi venutosi a creare, che non lascia margini esattamente ampi di manovra all’Ente, chiamato a reclamare giustizia contro chi, attualmente, lo dirige, o lo faceva fino a ieri. A chi si chiede comunque come sia possibile uscire da una tale empasse, ricordo che l'ordinamento prevede appositi strumenti per affidare a chi possa avere l’animo più sereno e libero da 'debiti di fedeltà o di appartenenzà la scelta del come ed in che misura difendere gli interessi di tutti quei calabresi onesti e di un intero territorio che la Regione ha il dovere di rappresentare».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?