Salta al contenuto principale

Potenza, è crisi nera
Contestazione durissima

Basilicata

Dopo la sconfitta nel posticipo col Cosenza, monta la protesta dei tifosi che vogliono le dimissioni del presidente Postiglione. Il dirigente ci sta seriamente pensando

Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

IL POSTICIPO tra Potenza e Cosenza è stato vissuto in un clima decisamente osti
le per il presidente Postiglione e per il direttore generale Galigani.
Atmosfera movimentata sugli spalti e accuse dirette per quelli che vengono definiti “atti incontestabili” ossia: l’indisponibilità imposta a Langella per la gara persa in casa con il Marcianise e il mancato acquisto di un attaccante, dopo la promessa di investimento per il numero rilevante di abbonati.
La curva sceglie però la ribalta televisiva per dare visibilità alla contestazione. E a fine gara si scatena un'ulteriore protesta contro la società e gli stessi giocatori, accusati di scarso impegno. Il patron Postiglione, che non ha assistito alla gara dallo stadio, preferendo restare a casa, si è detto molto amareggiato e sfiduciato. Oltretutto, dopo aver ricevuto anche minacce, sta seriamente considerando l'ipotesi dell'abbandono della guida della società. In giornata sono attesi sviluppi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?