Salta al contenuto principale

Pd, Loiero: "se me ne vado, in Calabria si perde"

Basilicata

Il governatore della Calabria Agazio Loiero, in un’intervista al Corriere della Sera, risponde agli attacchi di Marino e Franceschini

Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

«Io sto lavorando alle alleanze e, se mi indeboliscono, il Pd non avrà alcuna chance in Calabria. Se io me ne vado sbattendo la porta non c'è Udc che tenga».
A dirlo è il governatore della Calabria Agazio Loiero, nel corso di un’intervista al Corriere della Sera per rispondere agli attacchi di Marino e Franceschini.
«Io sarei dunque il simbolo del vecchiume? Sono indignato», afferma Loiero. Marino dice «bugie colossali», mentre Franceschini «non batterà Berlusconi, mai. Paradossalmente, se la sinistra spinge troppo sul cambiamento è condannata a perdere sempre. Esiste un’Italia corporativa che è maggioranza». Bersani, aggiunge, «mi ha detto: vai avanti, ti sono vicino».
Alle primarie, dichiara Loiero, «il rischio di brogli esiste. Può venire la cellula esterna che punta a inquinare il voto. La Calabria non è il paradiso terrestre; ci sono incrostazioni, collusioni, la rabbia sociale, i rifiuti, la disoccupazione. E su tutto domina la criminalità».
L’omicidio Fortugno, ucciso al seggio delle primarie, «è una lezione da tenere presente. I pm affermano che quel delitto era un messaggio a me. Spero che domenica non ce ne siano, di queste azioni, ma il Sud è anche questo». Sull'andare o meno al seggio «sono pieno di dubbi», conclude Loiero. «Non resterò bersaglio permanente».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?